A- A+
Milano
Mense, Lodi fa scuola a Milano: 9 sindaci adottano il regolamento

Caso mensa, Lodi fa scuola: nove sindaci adottano il regolamento

Non solo Lodi, non solo la Lega, non solo Sara Casanova. A chiedere ai cittadini stranieri la documentazione sui possedimenti nei Paesi d'origine per accedere alle tariffe agevolate della mensa e di altri servizi scolastici sarebbero stati altri nove sindaci del Sud Est milanese. Anche quelli del centrosinistra.

Ad affermarlo è Franco Lucente, capogruppo di Fratelli d'Italia in Regione Lombardia: “I sindaci del sud-est milanese stanno seguendo la normativa regionale, stanno semplicemente facendo il loro dovere – sostiene Lucente - Mi riferisco ai nove comuni del distretto sociale della via Emilia, da San Giuliano a Melegnano”. Lucente spiega che “nel 2017 Regione Lombardia ha approvato una delibera che sollecitava i Comuni a chiedere agli immigrati, oltre all'Isee, anche documentazione aggiuntiva rilasciata dallo Stato di provenienza, tradotta e autenticata, su eventuali immobili di proprietà”. Ecco perché, prosegue, “non possiamo far passare il rispetto della legge come discriminazione. Tutti, italiani e stranieri, devono attenersi alle norme, sarebbe discriminazione se questi ultimi ne fossero esentati”.

Le parole di Lucente sono destinate a provocare reazioni da quello stesso centrosinistra che aveva protestato in maniera vibrante dopo lo scoppio del caso Lodi e che ora si sente chiamato in causa coi suoi stessi amministratori. “Come ex sindaco e come consigliere regionale – prosegue Lucente – mi sento di supportare i Comuni del sud-est milanese che stanno solo applicando la normativa vigente e per questo vengono messi in croce. Faccio notare, tra l’altro, che i sindaci in questione non sono tutti di centrodestra”. Intanto Sara Casanova smentisce le voci su un possibile passo indietro in un'intervista a Il Cittadino: "Nessun passo indietro, il regolamento resta in vigore e l’obiettivo è garantire equità, come promesso in campagna elettorale".

Bussolati (Pd Metropolitano): Lucente male informato su Melegnano

“Lucente è male informato" - commenta Pietro Bussolati, segretario del Pd metropolitano milanese - a Melegnano non ci sono bambini lasciati fuori dalla mensa come avviene invece a Lodi. C’è un regolamento simile? Evidentemente qualcuno lo interpreta con buon senso e qualcun altro no. A Lucente piacerà il modello Lodi, con i bambini italiani separati dagli stranieri, a noi del Pd piace vedere tutti i bambini crescere insieme.”

 

Commenti
    Tags:
    mensa lodicaso lodisara casanovaregolamento stranieri mensa lodi








    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    2° edizione "Il sacro perduto" de "i tre obsoleti"
    Natale? Bastano 5 mosse per essere perfetta
    di Simone Michelucci
    Moscovici fiduciario dei mercati usurocratici.Rivela l'essenza macabra dell'Ue
    di Diego Fusaro

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.