A- A+
Roma
Monarchici uniti con Berlusconi. Emanuele Filiberto ministro per l'Italia

di Fabio Carosi


Le elezioni di marzo 2018? “Destino segnato: vincerà Silvio Berlusconi e siamo pronti ad offrire al nuovo governo del Paese un ministro per rappresentare l'Italia all'estero che si chiama Emanuele Filiberto di Savoia”.

 

Monarchici, cattolici di destra, liberali del Ventunesimo secolo che sperano in un addio soft all'euro e un ritorno alla Lira; tangenti senza mai sfiorarsi alla Lega e a Fratelli d'Italia, “pronti a rappresentare le istanze che vengono dal profondo della nazione e che si ispirano al Blocco nazionale delle libertà che nel 1948 riunì un pezzo della destra italiana cattolica per poi dissolversi: ci sono e sono pronti a scendere in campo a marzo con una movimento dei movimenti per ridare fiato, corpo e volti ai conservatori che pongono al primo posto i valori.
Contro “i valori negletti dell'attuale regime”, si presenteranno a Roma il prossimo 12 gennaio nel corso di una conferenza stampa- incontro, durante la quale formalizzeranno la riunificazione dei Monarchici e la loro disponibilità a “prestare” Emanuele Filiberto di Savoia al prossimo Governo di centrodestra, per un ruolo simile a quello di Carlo, principe di Galles, come ministro per l'Italia all'estero. Una sorta di ambasciatore del Made in Italy, dell'italianità e dei valori dello Stivale.
La lista è pronta e attende solo di sapere se sarà nel Popolo delle Libertà o come appoggio esterno, un po' come fece Roberto Lucifero d'Aprigliano nel 1948 col suo milione di voti, riuscendo nel miracolo di aggregare le sigle. Ad animare il Movimento, il già candidato a sindaco di Roma, Angelo Novellino, il presidente dei Monarchici Massimo Mallucci e Giampiero Covelli, figlio del fondatore del Partito Monarchico, Alfredo Covelli.

Un po' di nostalgia, il superamento dell'Europa a trazione tedesca e un ruolo ritrovato per l'Italia nello scacchiere politico internazionale sono i temi caldi della politica estera e alla domanda: favorevoli o contrari al ritorno della salma di Vittorio Emanuele III al Pantheon, la riposta è semplice: “C'è solo un posto, l'uomo famoso merita Santa Croce, un sovrano, un re deve stare al Pantheon. Il dibattito è la conseguenza di un Paese che non studia”.

Piccola avvertenza per il futuro ministro: l'enciclopedia spontanea Wikipedia lo indica come “personaggio televisivo”. Urge segnalazione e rettifica.

Tags:
elezionisilvio berlusconimonarchiciemanuele filibertoangelo novellinowikipediasalma vittorio emanuelepantheon

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Chi parla male di Atac viene licenziato, via Micaela Quintavalle, è ufficiale

Chi parla male di Atac viene licenziato, via Micaela Quintavalle, è ufficiale

i più visti
i blog di affari
Decreto Salvini, si chiama Mattarella, non mattarello
di Angelo Maria Perrino
Cara Milano, <i>Versace</i> da bere. Il creativo? E' a servizio del profitto
di Maurizio de Caro
A Bruxelles il nuovo ordine erotico genderizzato
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.