A- A+
Affari Europei
La Russia alla conquista dell'Artico. Preoccupazione a Bruxelles

Come la Cina rivendica il 90% del isole del Mar Cinese Meridionalem costruendo basi militari su isole artificiali create su barriere coralline appena affioranti, cosi' la Russia rivendica il controllo delle risorse energetiche (90 miliardi di barili di petrolio ed il 30% delle riserve mondiali di gas secondo stime Onu) sotto l'Artico creando una serie di nuove basi militari che circondano il Circolo Polare Artico. Secondo quanto rivela il Times le truppe di Mosca stanno portando a termine la costruzione di 6 nuovi basi militari (parte di un piano piu' ampio che prevede 13 piste di atterraggio e 10 nuovi sistemi radar a lungo raggio) permanenti per respingere chi minaccia i suoi interessi economici nella zona, a partire da Canada, Norvegia e Danimarca.

Proprio le tensioni che si potrebbero scatenare tra Mosca e gli stati europei (anche se Oslo non fa parte dell'Ue), preoccupa Bruxelles. Inoltre già da tempo la Commissione europea ha messo in guardia gli Stati che dipendono troppo dal petrolio e dal gas russo chiedendo una diversificazione delle fonti di approvvigionamento. Mosca ha infatti sempre usato le sue risorse energetiche come un'arma geopolitica, tendenza che andrà crescendo se il Cremlino dovesse avere il pieno controllo delle risorse dell'Artico.

Tra le basi costruite al Polo c'è quella di Trefoil sulla grande isola conosciuta come Terra di Alessandra (Zemlja Aleksandry) nel Mare di Barents dove tra pochi giorni arriveranno 150 soldati. Le altre nuove installazioni sono sull'isola di Kotelny nell'arcipelago della Nuova Siberia, sull'isola di Sredny nell'arcipelago Di Nicola II o Severnaya Zemlya, a Rogachevo sull'isola di Novaya Zemlya, a Wrangel e Cape Schmidt sulla penisola della Chukotka, ai confini con l'Alaska.

Non solo. All'inizio del mese il ministero della Difesa ha annunciato di aver schierato in due basi, nell'arcipelago di Novaya Zemlya (la stessa di Rogachevo, isola tra il Mare di Barents e quello di Kara oltre il Circolo Polare Artico) e nel porto di Tiksi in Siberia, due batterie del loro piu' moderno e potente sistema anti-aereo, l'S-400. Si tratta dello stesso sistema d'arma schierato in Siria a protezione delle forze aeree russe dopo l'abbattimento il 24 novembre scorso di un Sukhou 24 da parte di 2 F-16 turchi. L'S-400 e' un sistema composto da un mezzo semovente comando, due tipi di radar semoventi, che controllano fino ad un massimo 12 piattaforme di lancio semoventi, ognuna in grado di sparare 4 missili. In questo modo un sistema S-400 puo' seguire e distruggere fino 80 obiettivi in cielo entro un raggio di 400 km.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
russiaarticoeuropa
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.