A- A+
Buonasanità
Medico ortopedico si licenzia a quasi 50 anni: "Troppa burocrazia"

Buonasanità 

di Giusi Urgesi

Dallo sfogo divenuto virale sul web di Luigi Milandro, un collega ortopedico licenziatosi il 31 dicembre 2019 dall'ospedale di Lugo di Romagna, dove ha prestato servizio per undici anni da lui definiti di "abnegazione, sacrificio e passione", traggo l'amaro spunto per descrivere ancora una volta quel marasma in cui i poteri alti hanno trasformato il pianeta Sanità, che dovrebbe principalmente appartenere a quegli italiani regolari contribuenti di uno Stato sanguisuga, capace ormai solo di riscuotere, senza concedere il legittimo diritto alla salute!

Nel suo post il collega lamenta la crescente burocrazia che allontana la categoria dal contatto con il paziente.

Se ne deduce una disumanizzazione della professione medica, originariamente votata esclusivamente alla cura psicofisica della persona, oggi definita freddamente "utente"! 

Ore infinite di reparto trascorse a compilare certificati Inail, Inps, schede DRG e cartelle elettroniche, anziché visitare pazienti e stare in sala operatoria! 

Festività varie lavorative lontani dalle famiglie, reperibilità notturne dopo dodici ore di lavoro che non contemplano il riposo del giorno successivo, pasti regolarmente saltati, turni rispettati anche con la febbre...il tutto esasperato dalla mancanza di rispetto da parte di un'utenza sempre più arrogante e saccente e da stipendi tra i più bassi di Europa!

Stipendi sicuramente inadeguati alle competenze e allo stress psicofisico di professionisti logorati dal dover spesso sopperire al lavoro di tanti fatto in pochi! 

Già...perché i poteri alti in maniera diabolica hanno voluto appositamente ridurre i medici specialisti per contrarre drasticamente i concorsi pubblici e dunque le assunzioni! 

Giustamente amareggiato ed incredulo, il collega quasi cinquantenne si chiede perché nell'indifferenza generale nessuno gli abbia chiesto spiegazioni della sua sofferta rinuncia all'amata professione, quasi fosse un "numero" da sostituire prontamente con un trentenne privo di esperienza lavorativa! 

Vero, nessuno è indispensabile, ma dopo anni di sacrifici trascorsi sui libri per raggiungere l'agognata laurea e relativa specializzazione non è semplice accettare che tutto alla fine si riduca in una sterile dimissione dal proprio posto di lavoro in cui si è creduto fino allo stremo delle proprie forze psicofisiche!

Non è giusto privare ulteriormente l'utenza dell'esperienza decennale di chi avrebbe ancora tanto da offrire e da insegnare ai giovani medici che sempre più saranno strategicamente tenuti lontani da quell'antico senso della professione che la nostra generazione ha avuto almeno la fortuna di intravedere!

Loading...
Commenti
    Tags:
    sanità
    Loading...
    in evidenza
    Antonella Elia torna nella Casa Cast: Gregoraci, Mattera e...

    Grande Fratello Vip 5 news-rumors

    Antonella Elia torna nella Casa
    Cast: Gregoraci, Mattera e...

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: weekend di Ferragosto bollente con l'anticiclone superstar

    Previsioni meteo: weekend di Ferragosto bollente con l'anticiclone superstar


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Kadett Impuls I, progenitore di Opel Corsa-e

    Opel Kadett Impuls I, progenitore di Opel Corsa-e


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.