I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
1° luglio 2020, la fine di Hong Kong libera
(fonte Lapresse)

Non può non suscitare emozione il coraggio dei giovani e degli attivisti anti-governativi che in queste ore scendono in piazza a Hong Kong rischiando di essere condotti in Cina e lì giudicati da magistrati illiberali, con pene che vanno dai tre anni di carcere all’ergastolo.

Sono trascorsi 23 anni dal 1° luglio 1997, giorno in cui l’ex colonia britannica passò alla madrepatria. Per celebrare, senza nulla fuori posto, la ricorrenza, ieri a Pechino il Comitato permanente del Congresso ha votato all’unanimità la legge sulla sicurezza, che prevede pene fino al carcere a vita per chi è accusato di sedizione, separatismo, terrorismo, collusione con lo straniero. Il presidente cinese Xi Jinping, l’uomo più potente del mondo, che aggrega le cariche di capo dello Stato, segretario del partito comunista (PCC) e presidente della Commissione militare centrale - funzioni che potrà volendo mantenere a vita, a seguito della abolizione del limite dei due mandati del 2018 - ha subito promulgato la legge, che è già stata pubblicata in gazzetta ed è quindi in vigore da mezzanotte.

“Hong Kong libera è finita, comincia lo stato di polizia”, ha detto Joshua Wong, il giovane leader del movimento democratico, che per i suoi recenti viaggi all’estero quale ambasciatore della causa rischia il carcere a vita.

La Cina svela il suo vero volto di regime comunista illiberale e antidemocratico, rinuncia al principio “un paese due sistemi” e conferma che il suo primo obiettivo è la sua sopravvivenza, in nome della quale non si ferma di fronte a nulla. Se è vero che il segretario di Stato Usa Mike Pompeo prevede la sospensione delle forniture hi-tech, Londra offre il passaporto a tre milioni di cittadini di Hong Kong e l’Unione europea parla di “gravi conseguenze”, intanto tutti fanno affari con la Cina. Restano l’ammirazione per il coraggio e la vicinanza e la solidarietà a chi rischia l’ergastolo per la libertà e il fatto che prima o poi, non solo gli hongkonghesi ma tutti i cinesi, godranno della democrazia dal momento che tutti i popoli sono degni di essa.

Loading...
Commenti
    Tags:
    hong kongxi jinpingjoshua wong
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Tarraco e-HYBRID è il terzo modello elettrificato di Seat

    Tarraco e-HYBRID è il terzo modello elettrificato di Seat


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.