I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Inopportuno mettere in piazza la propria malattia
Al Bano, nato il 20 maggio 1943

La deriva di una società disperata e sentimentale

Un indicatore della società disperata e sentimentale attuale - cui per fortuna, seppur minoranza, si sottrae una parte, rappresentata soprattutto dai giovani. Sono sempre più i personaggi pubblici che trovano risalto mediatico, non per qualche fatto degno di merito, dal libro all’opera artistica in genere, ma divulgando una propria malattia. Ci si ricordi dello stillicidio degli "Anch’io ho preso il Covid” durante la pandemia.

Si tralasci la curiosità, sia a livello di intelligenza che di intelletto, di chi è interessato al raffreddore di un influencer. Naturalmente che la star televisiva o di Internet renda pubblica la propria malattia è una libera e legittima decisione, fatta magari anche per ottenere visibilità – il difficile del successo consiste, tanto nel conseguirlo, quanto nel farlo durare –; tuttavia, tutto ciò stride con la sacralità, per così dire laica e democratica dell’individuo, il cui dolore, per non dire la cui morte, dovrebbero rimanere in un ambito intimissimo, al massimo allargato ai propri cari. Il che vale anche per un artista, ma non si consideri l’idea di arte (e di artista) diffusa oggi e propagata online e in tv… esattamente l’opposto di ciò che è: “Non possiamo chiamare arte alcunché non sia razionale”, fa dire Platone a Socrate.  

Diverso è il discorso di un personaggio pubblico che nel raccontare complessivamente la propria storia può ricordare i propri matrimoni/divorzi o la scomparsa di un proprio caro come passaggi decisivi della sua vita. Per esempio, come fa Al Bano (nato il 20 maggio 1943) nelle interviste rilasciate in occasione del vicino compimento degli 80 anni.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


motori
Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.