I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Libri/ Di Molfetta: "Riformiamo l’avvocatura con Calamandrei"
Nicola Di Molfetta, giornalista, esperto di mercato dei servizi legali, autore di importanti pamphlet, direttore delle testate Legalcommunity e MAG

Da questa iniziativa emergono nuove prospettive per il riordino del ruolo e della funzione dell’avvocato

Nel Paese delle 110mila leggi e dei 246.000 avvocati, si torna a discutere in questi giorni della riforma forense che quest’anno compirà dieci anni. Tuttavia, il paradosso è che la legge 247/2012, arrivata dopo 80 anni, sembra avere già bisogno di essere rivista. Per avere un riferimento puntuale, illuminante è disponibile da qualche mese in libreria e in tutti gli store online un’opera inedita e originale sia per contenuto che struttura: Troppi Avvocati! di Piero Calamandrei/ Quali Avvocati? di Nicola di Molfetta (editore LC Publishing, novembre 2021, euro 39,90).

Si tratta di un elegante cofanetto che contiene la copia anastatica di Troppi Avvocati!, il testo che Calamandrei, padre costituente, tra i più autorevoli giuristi del 900, pubblicò per i “Quaderni della Voce” di Giuseppe Prezzolini nel 1921 e il saggio “Quali Avvocati?”, firmato da Nicola Di Molfetta, giornalista, esperto di mercato dei servizi legali, già autore degli apprezzati Avvocati d’Affari e Lex Machine, direttore delle testate Legalcommunity e MAG. 

All’epoca del testo di Calamandrei gli avvocati in Italia erano 25mila. Oggi sono quasi decuplicati. E la questione del troppismo forense, come la chiama Di Molfetta, continua a tenere banco. Calamandrei espresse una critica mirata a scuotere le coscienze di una categoria che rischiava di perdere il contatto con la consapevolezza di sé, perché sommersa dagli affanni di un’attività sempre più difficile da sostenere. Una condizione simile a quella odierna. Il 2021 è stato un anno record sul piano delle cancellazioni di avvocati dagli Albi

Col piglio e la chiarezza del giornalista, Di Molfetta analizza in una prospettiva attuale, chiara e persuasiva i nodi della professione, dall’indipendenza all’associazionismo alla reputazione, dalla riforma alla formazione ai corsi universitari. Soprattutto propone un cambio di paradigma. Suggerisce che la differenziazione sul mercato sia l'unica via d'uscita rispetto alla retorica dei troppi avvocati. Spiega che servono le specializzazioni, che la trasparenza del settore è un elemento fondamentale per la differenziazione dei professionisti, che le carriere possibili per gli attori del diritto sono molteplici e che vanno presentate non più come altro rispetto all'avvocatura tribunalizia, ma come alternativa altrettanto nobile e soprattutto utile.

“Gli avvocati – scrive di Molfetta - hanno bisogno di riflettere sul ruolo che la professione può e deve giocare in un contesto socioeconomico in profonda trasmutazione. Complesso. Globalizzato. Iper-regolamentato. E soprattutto, mediatizzato. Un contesto in cui gli avvocati servono, ma non in modo indistinto”. 

 “Non tutti gli avvocati sono uguali”. Esclama Di Molfetta, intendendo che 246mila avvocati non possono essere tutti impiegati nello svolgimento delle medesime funzioni e che per “smettere di essere troppi” gli avvocati devono distinguersi e specializzarsi. Devono diventare interpreti delle esigenze legali espresse dalla società e dall’economia del loro tempo e organizzarsi nelle modalità più adeguate a rispondere ad esse nella maniera più efficace ed efficiente. 

Il riconoscimento della verità - scrisse Calamandrei nel 1921 - è la prima condizione di ogni rinascita”. “Lo specchio, dinanzi al quale la professione si è intrattenuta per troppo tempo - gli fa eco oggi, un secolo dopo, Di Molfetta - deve diventare una finestra affacciata sul mondo e in posizione utile per comprenderne bisogni e necessità. Questa è la condizione indispensabile per l’affermazione di un’avvocatura nuova. Di un’avvocatura utile”.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.