I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Meghan e Harry conducono oltre la monarchia

L’intervista di Oprah Winfrey a Meghan e Harry, i duchi di Sussex, emigrati in California, che stanno mettendo in crisi la monarchia britannica, ha espresso contenuti inaspettati.

Meghan ha sostenuto che si sentiva sola e prigioniera a corte, che il figlio Archie è stato oggetto di sentimenti di razzismo; per parte sua Harry che i reali interpretano un ruolo (del resto è così per la maggioranza delle persone, basti osservare alcuni personaggi televisivi), che temeva si ripetesse la vicenda della madre Diana, di compatire il padre Carlo e il fratello William (d’altronde capita nelle migliori famiglie)

Al di là di tutto il contorno, la simpatia dei due, il rispetto per la nonna Elisabetta, il riferimento di lei alle principesse nei libri delle fiabe, la riflessione sull’osmosi tra tabloid inglesi (quasi un unicum) e corte, confermata da Harry, ciò che sorprende è che in UK, le cui radici democratiche sono le più antiche e consolidate d’Europa, in pochi mettano in dubbio l’esistenza della monarchia.

Il passato e la tradizione di quest’ultima non si discutono, anzi sono un esempio. Non è una questione di anarchia, ma di fede nell’individuo che eccelle per merito, intelligenza e intelletto (come noto gli aristocratici sono etimologicamente i “migliori”). E la democrazia è l’individuo (certo tutti sono uguali di fronte alla legge, quindi ai nastri di partenza… vero si prende il via da posizioni diverse… ma questo è il progresso, in Italia nel 1861 il 78% delle persone erano analfabete). Pensare che qualcuno sia a capo di uno Stato per diritto di nascita non dovrebbe far scaturire qualche dubbio in qualunque uomo libero (aristocratico)?

Così meraviglia che i sindacati d’oltremanica chiedano che sia fatta luce sul razzismo a Buckingham Palace, come vedere il primo ministro Boris Johnson (uomo evidentemente liberissimo) che si inchina e abbassa lo sguardo a terra di fronte al monarca. Ultima considerazione, formale… la forma, come insegna l’etichetta, è tutto. Spesso la verità è nell’etimologia delle parole: suddito deriva da sottomettere. Si mediti sulla differenza con cittadino.

 

 

Commenti
    Tags:
    harrymeghanregina elisabetta
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Dayane Mello e Balotelli? Macché Ecco la sua nuova fiamma. Foto

    Gossip, colpo di scena

    Dayane Mello e Balotelli? Macché
    Ecco la sua nuova fiamma. Foto

    i più visti
    in vetrina
    Elodie: calze a rete-tacchi a spillo, lezioni di danza seducenti (foto-video)

    Elodie: calze a rete-tacchi a spillo, lezioni di danza seducenti (foto-video)


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo: Giulia GTA il massimo della potenza e del piacere di guida

    Alfa Romeo: Giulia GTA il massimo della potenza e del piacere di guida


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.