I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Scontro Murgia-Salvini, tutto è relativo, ma no ai luoghi comuni

Lo scambio polemico tra il leader della Lega nonché ministro dell’Interno Matteo Salvini e la scrittrice Michela Murgia, autrice sarda del best seller “Accabarora” e vincitrice tra l’altro del Premio Campiello, fa sorridere per  luoghi comuni e dimostra che la verità non sta mai  da una parte sola e che tutto è relativo.

La vicenda nasce dal tweet di Salvini che aveva definito Murgia “intellettuale radical chic e snob”. A ciò, l’autrice ha risposto su Facebook con una sinossi (un confronto) tra le loro storie personali: “Via via – è questo il senso - io sono stata studentessa-(perito aziendale) lavoratrice, operaia, cameriera in un albergo del Passo dello Stelvio, operatrice di call center; tu hai studiato in un liceo della borghesia milanese, quindi sei stato consigliere comunale, europarlamentare, senatore e ministro, sempre pagato dalla politica.”

Con tutto il rispetto, che luoghi comuni! Da parte del ministro l’aderire a quella mentalità per cui  i cosiddetti intellettuali di sinistra siano radical chic e snob: in realtà la scrittrice ricorda il suo percorso da persona comune. (E del resto è anche vero che per darsi un tono mediaticamente, meglio essere di sinistra.) Da parte di Murgia, il pregiudizio opposto, ossia pensare che chi frequenta un liceo del centro città sia borghese. Storicamente parlando, per borghese si intende una persona (una famiglia) ricca, colta e di fama. Per intenderci: un ricco ignorante non è un borghese.

Tutto è relativo (come il rango della fama). Murgia mette in dubbio se non altro il nesso politica-fatica e quindi indirettamente quello politica-merito. È vero, la politica dovrebbe essere la forma più alta dell’esistenza, il che come minimo presuppone un’educazione… ma quanti sono i laureati in Parlamento (caratteristica che in una famiglia borghese si dà per scontata)? E a proposito di completezza, di dubbi  e di ragioni: si può essere scrittori senza aver fatto studi classici? Certo si può recuperare da autodidatta. Certo, Eugenio Montale era un ragioniere e vinse il Premio Nobel per la Letteratura (1975). Tutto è relativo, ma  è più probabile che sia più istruito un laureato di chi ha il diploma di terza media e che chi ha fatto il liceo classico conosca meglio la scrittura di chi ha studiato all’istituto per cuochi.

Commenti
    Tags:
    michela murgiasalviniradical chic
    in evidenza
    House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    Lady Gaga guida un cast stellare

    House of Gucci, guarda il trailer
    Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.