I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Strasburgo/ Europarlamentari britannici rinuncino ai soldi dei contribuenti Ue

Durante la sessione inaugurale del nuovo Parlamento di Strasburgo, alcuni europarlamentari britannici restano seduti o danno le spalle all’esecuzione dell’inno europeo.

Un comportamento che si commenta da solo, non tanto perché provocatorio nei confronti di tutti quei cittadini e di quegli Stati che compongono e credono nell’Unione europea, ma perché queste persone ricevono – dai contribuenti europei - uno stipendio di 8.757 euro al mese, più 4.513 di spese di rappresentanza e 320 euro di diaria (per non dire dei viaggi pagati, le spese mediche, i 24.526 euro per gli assistenti). Come dire: sputare nel piatto (dei contribuenti europei) in cui si mangia. Sarebbe onorevole… se rinunciassero.

Del resto i britannici, oltre ad aver rischiato (grazie al premier David Cameron che passerà alla storia per questo)  di far saltare  l’Unione,  in fatto di stipendi sembrano confusi. Per un repubblicano - e si accolga con tutto il rispetto e liberamente ciò, ossia una riflessione sulla differenza tra Monarchia (certo costituzionale) e Repubblica, e sapendo che non bisogna generalizzare - gli abitanti del Regno Unito sono sudditi (la cui etimologia viene da “sottomettere”) che pagano lo stipendio a un monarca e alla sua famiglia… quando sembra onorevole, naturale e ragionevole che la nobiltà sia fine a se stessa e, qualora essa sia una condizione superiore, non si fa mantenere da chi è/sarebbe di rango  inferiore.

Commenti
    Tags:
    david cameronunione europeastrasburgo
    in evidenza
    Kardashian, lato B o lato A? E il tatto di lady Vale Rossi...

    Diletta, Wanda... che foto

    Kardashian, lato B o lato A?
    E il tatto di lady Vale Rossi...

    i più visti
    in vetrina
    Alica Schmidt eletta l'atleta più sexy di Tokyo 2020

    Alica Schmidt eletta l'atleta più sexy di Tokyo 2020


    casa, immobiliare
    motori
    Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia

    Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.