A- A+
Coronavirus
Covid, lo Stato non avrà mai i fondi per compensare le perdite economiche

Dicono gli americani che, se si vuol essere sicuri di riscuotere l’universale consenso, bisogna dichiararsi “for mum and the applepie”, per la mamma e la torta di mele. Per conseguenza, qualcuno che si dichiarasse contro la mamma e contro la torta di mele, potrebbe star sicuro di dover affrontare un brutto quarto d’ora. Ed è proprio ciò che sto per procurarmi.

Premetto che questa situazione determinata dal Covid mi angustia moltissimo. Non per me, che ad essere costretto in casa e a non vedere nessuno me la godo, ma per tutti coloro che hanno perso una persona cara e soprattutto hanno perso il lavoro. Passare da un giorno all’altro da rispettato e prospero lavoratore a morto di fame senza prospettive, è qualcosa che potrebbe indurre al pianto al solo sentirne parlare. Al punto che mi vergogno un po’ della mia pensioncina, e altrettanto vorrei facessero tutti coloro che, senza nessuno speciale merito, hanno traversato e traversano questa pandemia senza che il loro reddito sia diminuito di un euro. Ma – ecco vengo al punto – una delle cose peggiori di questo momento storico è che, a mio parere, la crisi è senza soluzione.

Allineo alcuni fatti incontestabili. Lo Stato non ha – e non avrà mai – fondi sufficienti per compensare le perdite economiche. Se anche ci prova, può farlo soltanto per un tempo piuttosto breve. Per giunta, nel caso dell’Italia, lo fa con denaro preso a prestito, e cioè aggravando la condizione delle future generazioni, se rimborseremo i prestiti. O le finanze dei creditori, e la situazione di tutti gli italiani, se un giorno dichiareremo fallimento.

Ma c’è di peggio. Pare impossibile ma è così, c’è di peggio. Non solo lo Stato non può risarcire tutti coloro che hanno sofferto del Covid, ma è costretto a chiedere loro dei soldi, perché se la vita continua devono continuare anche tutte le cose che vivono a spese dell’erario. E lo Stato i suoi soldi li trae dalle tasse. È vero che in questi casi – la cosa avviene proprio in questo momento, sotto i nostri occhi, lo Stato rinvia il pagamento delle cartelle, la spedizione degli avvisi di accertamento e le riscossioni coattive. Ma neanche questo può durare. E come faranno, fra qualche mese, i lavoratori cui viene sospesa la cassa integrazione, per esaurimento dei fondi? quelli che saranno licenziati, perché neanche il blocco dei licenziamenti può durare indefinitamente? quelli che riceveranno cartella del rfisco da pagare, perché lo Stato non può chiudere bottega? Del resto, quelli stessi che si lamenteranno per queste cartelle non vorrebbero certo che si sospendesse l’attività della polizia, degli ospedali o della nettezza urbana.

Commenti
    Tags:
    covidlockdowneconomiacrisi economicastato
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Il vaccino preferito dagli italiani? Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    Covid vissuto con ironia

    Il vaccino preferito dagli italiani?
    Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    i più visti
    in vetrina
    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno

    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.