A- A+
Coronavirus
Covid, vaccini e filosofia: scambio di idee tra Diego Fusaro e Paolo Diodati
Diego Fusaro

Vaccini: su Affari Italiani lo scambio di idee tra Fusaro e Diodati


Negli scorsi giorni si è molto discusso di un tweet del filosofo Diego Fusaro in merito all’efficacia dei vaccini. In molti hanno osservato che il suo punto di vista, notoriamente scettico, veniva invece contraddetto proprio dai numeri evidenziati.

Il tema è stato discusso anche su affaritaliani.it, con cui Diego Fusaro collabora da tempo e che ha come tratto distintivo la massima apertura alle diverse idee, promuovendo un confronto aperto che permetta ai lettori di formarsi autonomamente la propria opinione. Lo dimostra anche la lettera aperta che un altro collaboratore, Paolo Diodati, ha inviato a Fusaro, il quale gli ha replicato a stretto giro di posta.

"Fusaro e gl'immancabilmente citati Marx, Hegel, Socrate e Platone".

Caro Fusaro,
se le benedizioni mettono al sicuro, perché continua l'emergenza?
Le giro la domanda equivalente a questa: "Se la riva è vicina, perché continuare a remare, per raggiungerla col mare mosso?"

Che i positivi aumentino all'aumentare del numero dei tamponi, non era una notizia da pubblicare tanto è ovvia, non essendo la situazione a numero nullo di positivi.

Il fatto è che se il numero dei tamponi eseguito quest'anno è dieci volte più grande del numero di quelli eseguiti lo scorso anno e il numero di positivi è minore del decuplo di quello trovato lo scorso anno, le ironie contro le critiche ricevute, hanno peggiorato la sua posizione, caro Fusaro, perché "la sua pezza, l'è peggio del buso!".

Infine, i sommi Maestri del passato, onnicitati, non insegnano a riconoscere gli errori e, magari, a chiedere scusa, per aver contribuito ad aumentare la già micidiale confusione in cui annaspiamo? 

Paolo Diodati

La replica di Diego Fusaro: “Perché non tornare a leggere Agamben e Foucault e Marx?”

Caro Diodati,
Grazie dei suoi rilievi. Tornando alla metafora nautica da lei utilizzata, Perché dire che il mare è in tempesta se in realtà vi è bonaccia? Perché continuare a non vedere come il discorso medicoscientifico sia oggi l'ideologia che giustifica lo stato d'emergenza permanente? 

Perché non prendere coscienza del fatto che lo stato di emergenza amplificato dalla chiacchiera mediatica e giornalistica svolge una precisa parte politica di riorganizzazione della società, dell'economia e della politica? Perché non tornare a leggere Agamben e Foucault e Marx? 

Un caro saluto e buone letture.

Diego Fusaro
 

Commenti
    Tags:
    diego fusaropaolo diodativaccini covid





    in evidenza
    Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

    E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

    Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

    
    in vetrina
    Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista

    Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista


    motori
    Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

    Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.