A- A+
Costume
Coppie che scoppiano sul web. Arrivano gli accordi pre-nozze ad hoc

Da Facebook a Twitter fino ad arrivare ai più recenti Grinder e Tinder, i social network hanno avuto un impatto innegabile soprattutto sulle relazioni affettive. E sono diverse le coppie, più o meno celebri, che a colpi di social si sono tradite, riprese, dichiarate amore eterno o sono state semplicemente scoperte. Da Mario Balotelli, che ha espresso su Twitter la gioia per la propria paternità dopo il riconoscimento della figlia Pia, e che sempre su Twitter ha postato le foto dell’anello di fidanzamento, corredato da romantiche dichiarazioni d’amore nei confronti della fidanzata e futura moglie Fanny Neguesha,  fino alla ben nota vicenda che ha coinvolto Maxi Lopez, l’ex moglie Wanda Nara e il di lei neo-sposo Mauro Icardi (nella gallery in alto).  E proprio quest’ultima vicenda quella che ha scatenato le polemiche più feroci, perché a farne le spese sono stati anche i figli dei due ex, Lopez e Nara. Oltre alla denuncia penale, Lopez è infatti tuttora in attesa di un riscontro alla sua denuncia civile: secondo l'attaccante della Sampdoria, Wanda Nara avrebbe violato 29 volte l'accordo di riservatezza che la obbligava a non diffondere foto dei figli su social network e a non parlare del divorzio. La pena richiesta per ogni infrazione è di 50.000 dollari quindi, il risarcimento totale ammonterebbe quindi a 1.450.000 dollari.

“Cifre per noi impensabili, mentre inizia a farsi concreta anche nel nostro Paese l’idea di stipulare accordi pre-matrimoniali riguardanti i social network  e le conseguenze spesso ‘nefaste’ che producono”, spiega l’avvocato Lorenzo Puglisi, Presidente di Familylegal, associazione che dal 2011 fotografa la situazione del capoluogo lombardo e dell’intera regione in materia di diritto di famiglia.

“Anche se da noi questo tipo di accordi non è vincolante, due coppie su tre fra quelle che chiedono una consulenza prematrimoniale si informano sulla possibilità di far rispettare al coniuge alcune clausole in modo da impedire pubblicazioni di foto o la divulgazioni di informazioni private della coppia sui social”, afferma Puglisi.

Dagli Stati Uniti arrivano i cosiddetti ‘social media prenups’, ovvero accordi prematrimoniali siglati dai futuri coniugi proprio per prevenire danni ‘on line’, dalle vendette post-tradimento alle umiliazioni pubbliche: “Negli USA, dove i social sono esplosi in maniera prorompente ben prima che da noi, sono moltissime le coppie che decidono di firmare un accordo che sancisca chiaramente cosa è possibile o meno postare sui social network - dichiara in merito Puglisi, che aggiunge - E’ noto come sempre più spesso la presenza costante dei social nella nostra vita influenzi le relazioni di coppia. Solo nell’ultimo anno abbiamo registrato un aumento di 25% casi di separazioni a causa proprio dei nuovi mezzi”.

Secondo i dati raccolti dall’associazione, il 70% dei tradimenti nascono sul web e ben due coppie su tre dichiarano di aver litigato per incomprensioni causate dai profili online. “Un accordo potrebbe dunque prevenire anche da noi questi spiacevoli incidenti”. Le clausole più diffuse riguardano in particolare la diffusione di materiale fotografico, più o meno osé, private o potenzialmente fonte di imbarazzo, ma possono riferirsi anche a cosa in generale sia possibile o meno condividere e raccontare sulla propria ‘vita a due’.

La notizia riportata da ABC news (apre un nuovo interessante ambito di discussione. Il Social Media Prenup (SMP) è generalmente un accordo economico, non sempre scritto ma anche solo verbale fra i due futuri coniugi: le somme da pagare in caso di violazione del patto sono le più svariate e il pagamento della somma concordata si applica a ogni post pubblicato dall’ex su tutti quanti i social. Nel nostro Paese, oltre ai diritti inviolabili sanciti dalla Costituzione, a sollevare i maggiori dubbi sono le questioni di privacy e i limiti ad essa collegati: “Il fenomeno però può essere considerato già decollato, poiché si stima che almeno nel 45% dei procedimenti di separazione attualmente in atto i social network abbiano pesantemente influito sulla fine del rapporto. Come sempre, dovrebbe essere il legislatore ad adeguarsi ai tempi, e a prevedere, se non dei patti prematrimoniali come quelli americani, quanto meno degli strumenti che nei limiti del nostro sistema giuridico possano garantire una maggior tutela al coniuge”, conclude Puglisi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
accordimatrimoniosocial network
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.