A- A+
Costume

Gli automobilisti osservati sono stati complessivamente 32.650 e di questi quelli 'pizzicati' col telefonino sono stati 4.048, pari a una percentuale del 12,4%. Inoltre, dei 4.048 'guidatori al telefono', 3.057 sono risultati di sesso maschile (pari al 75,5%) e 991 (24,5%) femminile; dato quest'ultimo che in alcune citta' ha sfiorato picchi del 30%. Tra i 'positivi' al telefonometro il 29% e' risultato essere utilizzatore nella prima fascia oraria (dalle 8 alle 9), il 35% nella seconda (dalle 12 alle 13) e il 36% nella terza (dalle 18 alle 19). Anche le situazioni ambientali di utilizzo denotano una certa tipicita': un piu' frequente ricorso al telefonino e' stato rilevato nei pressi delle zone maggiormente frequentate (scuole, centri commerciali, stadi, ospedali), negli ambiti cioe' di maggiore "stimolo" rispetto alle normali e ordinarie situazioni di viabilita' quali una via provinciale o di veloce scorrimento (tangenziali e statali). Unica eccezione: il 22% del numero complessivo dei conducenti sorpresi al telefono (cioe' oltre uno su cinque) si trovava fermo al semaforo rosso. Per quanto riguarda la ripartizione in aree geografiche e come valore assoluto, invece, l'utilizzo del cellulare alla guida e' prevalente al Nord (1.710 conducenti, pari al 42,2%), seguito dal Centro con 1.186 "telefonisti" (il 29,3%) e dal Sud con 1.152 (pari al 28,5%).

Notevoli anche le differenze tra le grandi citta': se a Torino si e' registrata una percentuale di 'telefonisti' pari al 14% (il monitoraggio Asaps e' avvenuto pero' nei pressi dello stadio e di alcuni centri commerciali), a Milano e' stata invece del 12% e 'soltanto' del 10,2% a Firenze. Piu' sostenuta a Verona e Forli' dove e' stata superata la media nazionale con picchi fino al 16%. A Roma la percentuale di conducenti al telefono e' stata del 13,6%, ma e' stato rilevato un interessante numero di telefonisti a bordo di veicoli a due ruote (42 scooteristi e motociclisti in tutto il Centro Italia, 32 dei quali a Roma ). Alta la percentuale dei positivi anche a Napoli (13,5%) e Palermo (14%). Il presidente dell'associazione, Giordano Biserni, ha gia' stabilito che il prossimo monitoraggio riguardera' i conducenti di veicoli destinati al trasporto collettivo: "Una prima idea ce la siamo gia' fatta - ha spiegato - in quanto i nostri rilevatori, pur concentrandosi prevalentemente sul dato complessivo, hanno potuto notare una certa e frequente abitudine fra i conducenti di autobus e pullman di linea a telefonare durante il trasporto degli utenti", pratica oggi vietata dal codice stradale ma che era permessa fino a qualche anno fa. Il monitoraggio sara' sviluppato nei prossimi mesi, quando al termine della stagione invernale apparira' piu' facile osservare gli autisti e tracciare l'ennesimo identikit del pericoloso 'telefonista della strada'. Infne l'appello dell'Asaps per il Capodanno: "Non facciamoci prendere dalla smania di spedire o leggere i messaggini augurali alla guida - dice Biserni - visto che in una giornata normale se ne lanciano in Italia circa 260milioni. Aspettare di essere giunti a destinazione non significa certo venire meno al dovere di cortesia".

Tags:
cellularevolanteguida
Loading...
in vetrina
ANNA TATANGELO, BIKINI DA INFARTO. Le foto da urlo in piscina

ANNA TATANGELO, BIKINI DA INFARTO. Le foto da urlo in piscina

i più visti
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
Dal Covid-19 alla gravidanza I calcoli alternativi di Gallera

Coronavirus vissuto con ironia

Dal Covid-19 alla gravidanza
I calcoli alternativi di Gallera


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
FORUM AUTOMOTIVE: il futuro è una mobilità più equilibrata

FORUM AUTOMOTIVE: il futuro è una mobilità più equilibrata


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.