A- A+
Costume
Dalla Shoes Valley marchigiana l'iconica Pump diventa un lusso accessibile

Non è sicuramente la scarpetta di cristallo che più di tutte ha fatto sognare le fanciulle, ma un paio di scarpe The Pump Factory Milano può cambiare la vita ad una ragazza. Così come capitò a Cenerentola. E’ così che nasce l’avventura di Ilaria Greco ed Elena Massei, due giovani (nella foto) con la passione della moda che decidono di dare una svolta alla loro vita avviando una startup con l’obiettivo di creare, produrre e commercializzare le Pump e promuoverle attraverso una nuova modalità di acquisto che va direttamente dall’artigiano al consumatore, eliminando tutti i passaggi intermedi e vendendole online tutte allo stesso prezzo. Prende così vita la scarpa con tacco stiletto buona per tutti i giorni, in vernice lucida, pelle o camoscio, dalla sensualità con cui esalta il collo del piede, dalla linea simmetrica con cui slancia la caviglia donando una magica visione alle gambe. Un nuovo brand di calzature da donna esclusivamente fatte a mano da sapienti artigiani ad un prezzo accessibile. Un percorso che Ilaria&Elena sviluppano mettendo in pratica un progetto digitale dedicato alla calzature interamente Made in Italy ed individuando nello storico  distretto calzaturiero di Porto Sant'Elpidio nelle Marche il cuore della loro produzione. Il risultato finale è un prodotto iconico di alta qualità, che riduce in modo netto la catena tradizionale del settore, con notevoli vantaggi sul prezzo finale del prodotto, promuovendo il nuovo comportamento di acquisto del consumatore di lusso: il modello direct-to-consumer, in linea con il trend degli ultimi anni che vede molti marchi e imprese promuovere i propri prodotti tramite canali diretti online, creando nuove opportunità per il lusso accessibile italiano. Promuovendo la filosofia del lusso accessibile, le Pump possono essere acquistate online sul sito del brand The Pump Factory. Durante la settimana della Milano Fashion Week le clienti avranno però la possibilità di indossarle ed acquistarle all’interno del Pop-up-store di Brera, in partnership con LoneDesignClub. E’ da qui che le due imprenditrici fondatrici del brand si avviano in questi giorni a promuovere il lusso sempre più ispiratore, aspirazionale e inclusivo e a creare una community di shoeaholics appassionate di décollété. Modelli per la donna di classe, prodotti in quantità limitata perchè completamente fatti a mano, orientati alla cura per i dettagli e alla ricercatezza dei materiali. E, soprattutto, a diffondere la consapevolezza che dietro le calzature c’è la forte tradizione artigianale del Made in Italy che trova le sue radici nel territorio fermano-maceratese, la Shoe Valley italiana. Per tutta la settimana della Mfw sarà possibile scoprire il brand in un’esperienza coinvolgente all’interno del Pop-up-store di Brera.

 

 

 

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    milanonapolirobyrace
    in evidenza
    Covid vissuto con ironia

    Guarda la gallery

    Covid vissuto con ironia

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.