A- A+
Costume
Martello Copertina definiti

 

Di Maria Martello*

Si presentano, nella vita di tutti, circostanze che pongono, spesso del tutto inaspettatamente, di fronte ad un muro che sembra precludere ogni possibilità di proseguire. Da quel momento nulla è più come prima ”Era sempre propenso a prendere ogni cosa con disinvoltura, a credere al peggio solo quando il peggio era arrivato, a non farsi preoccupazioni per il futuro, neanche quando si presentava minaccioso” scrive Franz Kafka all’inizio de Il processo, allorquando prende l’avvio una situazione tanto drammatica, quanto incomprensibile, destinata a concludersi tragicamente.

In tutti i drammi […] viene il momento fatale, il momento della svolta, quello di una sciagura improvvisa, o di una rivelazione, quando all’improvviso tutto cambia, e in un lampo si capisce ogni cosa: sta entrando acqua! Ora tutto è diverso, il viaggio che sembrava senza storia diventa l’ultimo viaggio, i gesti che facevamo da tranquilli marinai diventano gli ultimi gesti, il porto di Casablanca verso il quale stavamo pigramente navigando […] si trasforma nel porto irraggiungibile, dove non approderemo mai”, queste le angosciose considerazioni di Piero Ottone nell’autobiografica esperienza descritta in Naufragio, drammatico resoconto della perdita di una grande parte di sé, l’amatissima barca a vela.

Si può essere sopraffatti dalla disperazione, rassegnarsi passivamente: “La morte è la prima notte di quiete, perchè si dorme senza sogni" dice Alain Delon protagonista de La prima notte di quiete, magnifico film del 1972 di Valerio Zurlini, oppure si può reagire, e l’epilogo può essere diverso, se di fronte all’incubo che lascia sgomenti, che sembra escludere ogni possibilità di padroneggiare la situazione, ci si ferma a riflettere su di sé, sui propri casi, per difficili che appaiano, su ciò che siamo stati, sulle radici e gli antefatti del dramma che è deflagrato. Si tratta di ricollocare nella giusta prospettiva eventi, ricordi, relazioni, errori, attribuendo ad ogni episodio il significato che, magari sfuggito nel mentre lo si viveva, può recuperarsi a distanza di tempo.

Non cerco giustificazioni – è sempre Piero Ottone che parla - ho perso la barca […] se avessi fatto un’altra rotta , se fossi stato lontano dalla terraferma, non sarebbe successo. Questo è tutto”: la riflessione autobiografica, a distanza di tempo, aiuta come meglio non si potrebbe a mettere ordine anche nelle esperienze più tristi ed angosciose, giungendo alla serenità che discende dall’essersi fatta una ragione logica di quanto è accaduto, per amara che sia.

Non sempre, però, si è capaci di un’analisi tanto lucida e dura, ma è necessario scavare nella memoria, aiutati anche dagli oggetti che ci circondano, ciascuno dei quali, al pari di noi, ha una sua storia, che con la nostra si intreccia. Nulla come gli oggetti può rammentare, ma soltanto a noi che ne conosciamo la storia, eventi e fasi della nostra vita, interessi, passioni, viaggi, relazioni con persone che nella nostra vita sono state importanti pur essendone –in un modo o nell’altro- uscite.

Il distacco dagli oggetti che si amano e la separazione dalla vita corrono parallelamente […] l’archeologo ed il collezionista riescono a far parlare gli oggetti della loro storia, delle traversie vissute, dei tanti passaggi di mano”: così rileva acutamente lo psichiatra Giovanni Starace, in Gli oggetti e la vita. Riflessioni di un rigattiere dell’anima sulle cose possedute, le emozioni, la memoria, opera essenziale per comprendere i nostri rapporti con le cose.

Non minore rilevanza presentano le fotografie, ed è incredibile come esse, a distanza di tempo, rivelino dettagli, raccontino storie, inimmaginabili al tempo dello scatto: espressioni che valgono presagi, momenti fissati per sempre mentre noi, invece, abbiamo proseguito ineluttabilmente il nostro cammino. E gli oggetti, nuovamente, che magari anche non deliberatamente compaiono nelle fotografie, ne sono lo sfondo o il dettaglio, solo a distanza di tempo acquistano sovente un ruolo decodificabile alla luce delle prospettive che il tempo trascorso concede a chi sa coglierle.

Rivivere il momento rispetto al quale il tempo è stato fermato dallo scatto dell’otturatore può aiutare a riflettere sul presente, consentendo di leggere le testimonianze e di sistematizzare i ricordi e le emozioni che essi suscitano, interpretandole stabilendo correlazioni mai colte prima, guardando al passato in funzione del presente.

Scomporre e ricomporre il nostro passato porta al bisogno di fissare le inedite trame che iniziano ad intravedersi, vivendole in un modo diverso. E’ appassionante riappropriarsi della propria storia, e questa è l’essenza della scrittura autobiografica, che riveste una grande importanza, non solo come genere letterario, ma soprattutto quale strumento di ricerca all’interno di noi stessi, volto alla riorganizzazione del nostro passato ‘rivisitato’.

Parlare di sé implica la ricerca di ciò che di noi è rimasto nascosto. La scrittura è, infatti, un atto creativo che plasma la realtà per farne ‘altro’, qualcosa da leggere dall’esterno. Scrivendo di sé affiora il passato, anche ciò che non abbiamo fatto, e magari sarebbe stato opportuno fare: ma questo, purtroppo, lo si coglie soltanto ‘dopo’. Se si è capaci di scrivere della propria vita muta il modo di pensare, di sentire e di vedere il presente, muta la considerazione di sé e del proprio rapporto con gli eventi.

 
* Docente di Psicologia dei rapporti interpersonali. Formatrice A.D.R. Mediatrice dei conflitti. Autrice di Sanare i conflitti (Guerini e Associati Editore, Milano, 2010) nonché di Oltre il conflitto; Intelligenza emotiva e mediazione (McGraw-Hill, Milano, 2003); Conflitti, parliamone. Dallo scontro al confronto (Sperling e Kupfer, Milano, 2006); Mediazione dei conflitti e counselling umanistico. Lo spazio della formazione (Giuffrè, Milano, 2006); L'arte del mediatore dei conflitti Protolli senza regole, una formazione possibile (Giuffrè, Milano, 2008); Educare con SENSO senza disSENSO. La risoluzione dei conflitti con l'arte della mediazione (Franco Angeli, Milano, 2009); Mediatore di successo. Cosa fare/Come essere (Giuffrè Editore, Milano, 2011).

www.istitutodeva.it
maria.martello@tiscali.it

 

"SANARE I CONFLITTI", LO SPECIALE

La paura difende? No, impedisce la vita

Ecco perché la sfiducia non conviene...

Alla conquista della fiducia

Prendersi cura di sè e degli altri

La fatica di prendersi cura di sè

L'ironia è una cosa seria

Dalla coppia al lavoro, ecco come far funzionare le relazioni

Ridere fa bene

Impariamo a dare i nomi alle emozioni

Felicità? Non facciamo come la colomba di Kant

Oltre il dolore. Dentro c'è sempre la forza

Raccontarsi per riappropriarsi del sè

copertina Libro Sanare conf




 

 

 

 

 

 

Tags:
relazionecoppiaamorerapporti
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce

smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.