A- A+
Costume
L'hospitality nel post Covid, il 38% degli operatori pensa di cambiare lavoro
Alanis Morissette

Hospitality, le principali problematiche

Dal report è emerso che la propensione a lasciare la propria occupazione da parte degli operatori si connette a  tre motivi pricipali: 1) "preoccupazione per la salute e la sicurezza", 2) "incertezza del lavoro" e 3) perché "i lavoratori hanno ottenuto nuovi posti di lavoro durante la chiusura".

Il mondo dell’hospitality ha inoltre il problema di fare fronte a nuove assunzioni: una situazione denunciata da più della metà (52%) dei partecipanti all’indagine e dovuta alla difficoltà di trovare "candidati abbastanza qualificati", alla "mancanza di risorse per offrire retribuzioni e vantaggi competitivi" e "di flessibilità e di opzioni di home/smart working".

Feedback che rappresentano un campanello d’allarme soprattutto in considerazione del momento cruciale per il rilancio di questo settore e dell’imminente avvicinarsi del periodo clou delle vacanze natalizie. Nel contempo delinea un ruolo ancora più strategico del coinvolgimento dei dipendenti.

"Tutti i settori sono stati colpiti dalla crisi scaturita dall’emergenza Covid-19, ma il settore dei viaggi e dell'ospitalità ha avuto un impatto particolarmente significativo", ha affermato Ford Blakely, fondatore, vicepresidente senior e direttore generale di Medallia Zingle. “La volontà o l’intenzione del 38% del personale di cambiare lavoro è un dato allarmante, ma le aziende di questo mercato devono considerare oggi più che mai che, grazie alla tecnologia e a opportune strategie di comunicazione, hanno l’opportunità di ascoltare le proprie persone e creare una forza lavoro più pro-attiva e coinvolta, più entusiasta e maggiormente disposta a impegnarsi di più, senza troppo guardare il ritorno economico".

Sfide che il mercato dell’hotellerie deve affrontare, dal momento che lo studio di Medallia Zingle ha evidenziato che il 61% degli operatori del settore afferma che i propri ruoli sono più difficili e meno gratificanti dall'inizio della pandemia e un quarto (24%) che la propria esperienza di lavoro è peggiorata, oltre a sentirsi meno coinvolto. Aspetto che si riverbera inevitabilmente sulla qualità dei servizi: il 27% afferma che anche l'esperienza fornita agli ospiti è peggiorata dall'inizio della pandemia.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    hospitalityhospitality covid 19
    in evidenza
    BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi

    Scatti d'Affari

    BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi

    i più visti
    in vetrina
    Elodie si confessa: "Ho una sindrome dell'abbandono grande quanto me"

    Elodie si confessa: "Ho una sindrome dell'abbandono grande quanto me"


    casa, immobiliare
    motori
    Nissan svela la nuova Micra elettrica

    Nissan svela la nuova Micra elettrica


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.