A- A+
Costume
Propaganda online, Pd in cima alla classifica delle spese
Foto: LaPresse

Europee 2019, Pd in cima alla classifica per la propaganda online

Non solo Matteo Salvini. La campagna elettorale per le elezioni europee 2019 ha impegnato tutti anche su internet. È sui social, Facebook e Twitter in particolare, che i partiti cercano di accaparrarsi i voti degli indecisi e bombardano gli utenti con campagne incessanti. Lo rivela l’Huffington Post riportando uno studio di Openpolis. Prima sorpresa: a guidare la classifica di ‘spendaccioni’ della rete non è Matteo Salvini, delle cui campagna tanto si è parlato, ma il Partito Democratico.

Europee 2019, Pd in cima alla classifica per la propaganda online – PROPAGANDA ONLINE

Lo studio ha analizzato le sponsorizzazioni dei profili dei politici e dei partiti da marzo a maggio. In questo periodo complessivamente sono stati spesi circa 660mila euro: 568 su Facebook e 92 su Google. Sopra a tutti il Partito Democratico, che ha speso 164mila euro, seguito da Matteo Salvini a quota 152mila e Silvio Berlusconi, 93mila. La scelta degli schieramenti presenta però una differenza interessante: mentre nel caso del Pd a essere stati sponsorizzati sono i post del partito, la strategia di Lega e Forza Italia ha puntato tutto sulle personalità di spicco dei due partiti.

Europee 2019, Pd in cima alla classifica per la propaganda online – OPENPOLIS

Scrive ancora OpenPolis che “lo schieramento di centrosinistra, considerando il profilo del partito, del segretario e dei vari capolista, ha speso in totale €197.893. Abbiamo poi la Lega (€152mila) e infine Forza Italia (€142mila). Da notare come il Movimento 5 stelle sia stato il partito, tra quelli più grandi, che ha investito meno attraverso i canali ufficiali in sponsorizzazioni su Facebook e Google: solamente 50 mila euro”.

Europee 2019, Pd in cima alla classifica per la propaganda online – LA LEGGE

Insomma, un ruolo in costante crescita, quello di internet e dei social, nelle ultime tornate elettorali. Lo sudio presentato rileva anche come la normativa nazionale in materia sia ancorata alla legge 515/1993, che regola lo svolgimento delle campagne elettorali, e alla 212/1956, sulla propaganda elettorale. Nessuna delle due integrata e adattata al diffuso utilizzo che la classe politica fa dei social e degli strumenti di comunicazione online. Controindicazioni: l’elusione dell’obbligo di indicare i finanziatori delle inserzioni sui manifesti elettorali o di quello sul silenzio elettorale vigente dal giorno che precede il voto.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    propaganda onlineelezionielezioni europeeeuropee 2019propaganda elezionicampagna elettoralecampagna onlinespese socialspese partitispese politicimatteo salvinipartito democraticodemsilvio berlusconilegaforza italiaquanto spendono i partiti
    in evidenza
    Fine dell'Ue, terremoti, siccità... Nostradamus, le profezie 2022

    Che cosa accadrà il prossimo anno

    Fine dell'Ue, terremoti, siccità...
    Nostradamus, le profezie 2022

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre

    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre


    casa, immobiliare
    motori
    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia

    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.