A- A+
Costume

Di Donatella Marazziti, dell'Università di Pisa

Il Dsm (recentemente giunto alla versione V) non è una Bibbia dogmatica, nè qualcosa da demonizzare: è uno strumento utile e perfettibile che serve a costruire un linguaggio comune tra gli psichiatri. E' indubbio che il manuale risenta della forte influenza culturale anglosassone tendente a schematizzare e oggettivamente lontana dalla tradizione psicopatologica europea ma alcune critiche specifiche sono ingenerose e bisogna dirlo.

Non è vero che bastano due o tre sintomi per rientrare nell'ambito di una patologia ma ce ne vogliono almeno il doppio e con un lasso temporale specifico: se fosse così ognuno di noi si ritroverebbe in tutti i disturbi elencati, specialmente in quelli più gravi.

Le obiezioni che condivido riguardano alcune tendenze a psichiatrizzare tutto: per esempio sul gioco d'azzardo patologico o sullo shopping compulsivo bisogna tenere conto delle soggettività e non arrivare a una patologizzazione di comportamenti che, se non inficiano gli aspetti socioeconomici della persona, sono del tutto normali.

Non ho condiviso l'eliminazione del disturbo ossessivo compulsivo dai disturbi d'ansia perchè per me rimane tale. Il lato positivo è che si è rafforzata la parte del decadimento sociale e lavorativo come precondizione per emettere diagnosi.

La sostanza è che il dsm è in continua evoluzione e presenta molte criticità, al punto che spesso le revisioni avvengono in tempi relativamente brevi. Ci sono condizioni della vita che sottendono la normalità ( come reagire con dolore a un lutto grave in un tempo determinato ) mentre altre situazioni, prese singolarmente, riguardano, ripeto, ognuno di noi e non rappresentano alcun significato patognomonico

Tags:
psichiatriadsmmanuale
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.