A- A+
Costume
Dopo Parigi è psicosi da attentato. Lo psichiatra: come arginare la paura

Il flusso mediatico ininterrotto focalizzato sugli attentati parigini e i lunghi dibattiti dei talk show televisivi hanno soffiato sul fuoco della paura, generando allerta  in tutta Europa. Ma cosa scatta dal punto di vista emotivo nel vedere le immagini di attentati riprese e mandate in continuazione dai media?

Secondo gli esperti si può arrivare ad una sorta di psicosi emotiva. Una paura irragionevole ed irrazionale che s’impossessa delle menti e condiziona le azioni compiute da ognuno. Secondo lo psichiatra Michele Cucchi, Direttore Sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano, questo tipo di comunicazione potrebbe generare sentimenti contrapposti caratterizzati da emozioni forti capaci di scatenare, nei soggetti piu’ sensibili e le menti piu’ facilmente manipolabili, persino attacchi di panico. Come vincerla? Il modo migliore per non lasciarsi travolgere da questa psicosi e’ non catastrofizzare, perché spesso la preoccupazione ci porta a vedere probabile e quasi scontato ciò che e’ solo una rarissima evenienza, e soprattutto ragionare sempre con la propria testa, senza dare per scontato ciò che le fonti di informazioni sembrano spacciarci per certezza.

“Questo tipo di comunicazione – afferma lo psichiatra Cucchi - potrebbe avere due spiegazioni: da un lato la paura di massa e’ un fenomeno mediatico molto importante che viene adeguatamente sfruttato per finalita’ di audience. Tutto ciò che fa panico, emozione forte, attrae la curiosita’ e quindi alimenta l’attenzione. L'uomo e’ un animale sociale  e vive di segnali comunicativi che gli permettono in modo innato di entrare in risonanza emotiva con gli altri, un fenomeno chiamato empatizzazione. Questo meccanismo possiede un valore adattivo perché vivere in branco serve anche a comunicare agli altri e quindi proteggere i componenti del gruppo dai nemici e dai potenziali pericoli: basta l'espressione della paura sul volto di un compagno per provare paura e reagire allertando l‘intera collettivita’. La stessa cosa fa il branco: scappare tutti insieme e’ meglio ancora difendersi tutti insieme. Un’ulteriore caratteristica da tenere in considerazione e’ rappresentata dal fatto che, in preda ad una tensione emotiva legata alla paura di un pericolo imminente per il gruppo, come può essere ad esempio un attentato terroristico, si vanno generando risorse e risposte potentissime della collettivita’, basate sulla coalizzazione, che si sente offesa e si difende con tutte le sue forze.

La strategia del terrore messa in atto dai terroristi che hanno commesso questi tremendi crimini a Parigi ci rende quindi di conseguenza piu’ uniti, ma allo stesso tempo piu’ manipolabili da chi ci gestisce come gruppo stesso: parliamo di politica e media. Esistono persone piu’ sensibili in riferimento a questo fenomeno, caratterizzati da un minor spirito critico aprioristico, da una tendenza a conformarsi ai comportamenti sociali e da un forte bisogno di appartenenza per sentirsi indentificati e rassicurati dalla collettivita’”.

Tags:
psicositerrorismoattentatipsichiatraconsigli
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Nuovo ŠKODA KAROQ: design più raffinato e miglior efficienza

Nuovo ŠKODA KAROQ: design più raffinato e miglior efficienza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.