A- A+
Costume

Una nuova ricerca globale commissionata da IHG (InterContinental Hotels Group) rivela che la connettività online sta diventando sempre più importante, aiutando i viaggiatori seriali (per esempio i businessmen) a mantenere vive le relazioni più importanti. Tutto il mondo è paese e non c’é davvero alcun posto come casa propria, a meno che non si pernotti in un hotel che offre gratuitamente la connessione internet. E questo non vale solo per gli italiani, famosi in tutto il mondo per essere fin troppo legati al proprio nucleo familiare.

La nuova indagine ha infatti coinvolto 10.000 persone provenienti da tutto il mondo che viaggiano da sole per lavoro. E’ stata commissionata da IHG per comprendere i bisogni dei viaggiatori e i risultati dimostrano l’importanza che ha sul loro piano emotivo il costante mantenimento dei rapporti con i propri cari durante le trasferte. A seguito dei risultati IHG ha deciso di diventare il primo e unico gruppo alberghiero al mondo ad offrire un accesso a internet gratuito a tutti i soci del proprio programma di fidelizzazione clienti*.

I risultati rivelano che l’impossibilità di contattare casa, imputabile alla mancanza di connessione internet, é oggi la prima causa di stress per i businessmen, che nel 40% dei casi hanno citato proprio questo fattore come primo motivo di disagio durante le loro trasferte, prima ancora della lontananza dell’albergo dai trasporti pubblici (26%) e di una location rumorosa (24%).

A seguire ulteriori evidenze che hanno sottolineato l’importanza della connessione internet:

·         Il 61% degli intervistati ha dichiarato che internet é il servizio più importante fra quelli offerti nella camera d’albergo, superando la TV (17%); il bagno (5%); il frigorifero (3%) e il mini bar (1%).

·         Il connettersi a internet é la prima attività svolta dagli ospiti non appena accedono alla loro camera perché li fa sentire a casa (31%). L’accesso a internet avviene ancor prima dell’esplorazione della camera (25%), di una doccia calda (14%) e di disfare le valigie (13%).
•Quasi due terzi dei viaggiatori (64%) ha dichiarato che preferisce comunicare con i propri contatti a casa tramite internet  piuttosto che tramite telefono.

·         Oltre metà dei genitori intervistati (53%) ha dichiarato che il mantenere i contatti con la famiglia é il miglior modo per allentare lo stress alla fine di una giornata di lavoro.

·         L’89% degli intervistati ha dichiarato che poter usufruire di internet gratis li renderebbe più felici durante il loro viaggio di lavoro.

·         Infine, quasi due terzi degli intervistati (65%), dichiara di non gradire di viaggiare senza la possibilità di connettersi con i propri cari. Fra questi, uno su dieci addirittura si rifiuterebbe di viaggiare per lavoro.

·         L’83% dei viaggiatori si mette in contatto con il proprio partner almeno una volta al giorno.

·         Il 79% dei genitori lo fa con i propri figli.

·         Le famiglie stanno quindi chiaramente cercando modalità di comunicazione continua a prescindere dal posto in cui ogni famigliare é ubicato. E’ anche interessante constatare che il 37% dei viaggiatori contatta giornalmente, mentre è in viaggio, i propri genitori e addirittura il 20% ha un contatto quotidiano con i propri nonni.

·         Il 44% dei viaggiatori ha insegnato ai propri genitori o nonni ad utilizzare internet e tool come Skype, FaceTime e i social network, così da rimanere in contatto più facilmente, mentre un aggiuntivo 35% ha deciso che lo farà a breve.

·         Quasi metà dei viaggiatori (44%) ha utilizzato Skype per poter vedere il proprio animale domestico mentre era via per lavoro.

·         Fra i genitori, più di uno su dieci (14%) sceglie ora interazioni face-to-face come Skype e FaceTime come il modo più efficiente per tenersi in contatto con i propri figli mentre sono in viaggio per lavoro.

·         Quasi metà dei genitori ha dichiarato che userebbero Skype o FaceTime per passare insieme delle serate con la propria famiglia mentre sono in viaggio se i due tool fossero gratuiti.

·         Più di un quarto dei genitori che viaggiano per lavoro vorrebbero condividere con la propria famiglia il momento della cena (28%) o il momento in cui si va a letto (29%).

·         Un genitore su cinque (18%) sceglierebbe di aiutare i propri figli con i compiti via Skype o FaceTime se fossero gratuiti.

 

Tags:
rapportifamigliawebinternet
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.