A- A+
Costume
Scarpe, i tacchi alti causano piedi deformati e mal di schiena

Indossare i tacchi regolarmente anche solo per tre anni puo' provocare uno squilibrio dannoso ai piedi. Almeno questo e' quanto emerso da uno studio della Hanseo University in Corea del Sud, pubblicato sull'International Journal of Clinical Practice. I ricercatori hanno esaminato l'effetto delle scarpe con i tacchi alti dai 10 centimetri o piu' su 40 donne che le indossano regolarmente, almeno tre volte a settimana.

In particolare, gli studiosi hanno misurato la forza delle caviglie delle donne e hanno scoperto che due dei 4 muscoli principali diventano dominanti gia' dopo uno o massimo tre anni. "Questi risultati - hanno detto i ricercatori - suggeriscono che, in un primo momento, i tacchi alti possono rinforzare i muscoli della caviglia, ma l'uso prolungato alla fine provoca uno squilibrio muscolare, un fattore predittivo cruciale di infortunio della caviglia". Tra le conseguenze dell'uso prolungato dei "trampoli", gli scienziati hanno annoverato i piedi deformati, mal di schiena e modelli malsani di camminata.

LA POLEMICA RECENTE/ A Cannes la "dittatura" del tacco 12 

Tags:
scarpetacchipiediproblemimuscoli

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.