A- A+
Costume
"Dire vipera alla suocera non è reato". Genero assolto in Cassazione

"Mia suocera come una vipera": una frase che, se pronunciata in un "contesto di rapporti tesi" ma senza ledere "l'onore e il decoro" altrui, non puo' giustificare una condanna per ingiuria. Lo si evince da una sentenza con cui la quinta sezione penale della Cassazione ha annullato senza rinvio "perche' il fatto non sussiste" la condanna per ingiuria aggravata, con il risarcimento del danno alla parte offesa, inflitta a un 44enne dal tribunale di Nicosia. L'uomo era finito sotto processo per aver pronunciato alla presenza di piu' persone la frase "e' scesa mia suocera come una vipera".

La Suprema Corte ha dichiarato fondato il ricorso dell'imputato sottolineando che "l'espressione e' stata pronunciata dal ricorrente in un contesto di rapporti tesi", con "acredine personale a causa di fatti pregressi, che hanno portato a questioni giudiziarie", legati a "un quadro di conflittualita' derivante dalla crisi del rapporto" dell'uomo con la figlia della parte offesa. La frase 'incriminata', osservano i giudici di piazza Cavour, non era stata indirizzata alla suocera, ma era "stata utilizzata dal ricorrente per descrivere agli agenti intervenuti l'azione della donna 'scesa come una vipera'". Dunque, "se e' vero che il reato di ingiuria si perfeziona per il sol fatto che l'offesa al decoro o all'onore della persona avvenga alla sua presenza, e' altrettanto vero - si legge nella sentenza - che non integrano la condotta di ingiuria le espressioni verbali che si risolvano in dichiarazioni di insofferenza rispetto all'azione del soggetto nei cui confronti sono dirette e sono prive di contenuto offensivo nei riguardi dell'altrui onore o decoro, persino se formulate con terminologia scomposta o ineducata".

Infatti, ricorda la Cassazione, "la valenza offensiva di una determinata espressione deve essere riferita al contesto nel quale e' stata pronunciata, tenendo conto, tra l'altro, dello standard di sensibilita' sociale del tempo". Alla luce di questi principi, quindi, la frase dell'imputato "pronunciata all'esito di un contrasto che aveva determinato l'intervento delle forze dell'ordine e per descrivere, nella concitazione del momento, le modalita' di azione" della suocera, "non si connota - concludono gli alti giudici - in termini di offensivita' idonei a giustificare l'attivazione della tutela penale".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
suoceraviperagiudicegenero
in evidenza
Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

Nino Cerruti

Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid


casa, immobiliare
motori
Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.