A- A+
Cronache
Papa Francesco, limite ai regali: non oltre 40€. La nuova legge anticorruzione

Vaticano, nuovo giro di vite anti-corruzione. Il Papa all'organico curiale impone un tetto massimo ai regali: vietato accettare oltre il valore commerciale di 40 euro.

Nessuno dei dipendenti della Curia romana, dello Stato della Città del Vaticano e degli enti collegati potrà accettare regali per una cifra superiore a 40 euro. Il limite è stato fissato da Papa Francesco con un Motu Proprio in merito alla trasparenza nella gestione della finanza pubblica ai diversi livelli dirigenziali della Santa Sede. Tutti coloro che svolgono funzioni di amministrazione attiva, giurisdizionali o di controllo sono tenuti a dichiarare di non avere condanne o indagini per corruzione, frode, terrorismo, riciclaggio, sfruttamento dei minori, evasione fiscale. E di non detenere contanti o investimenti in paesi ad alto rischio di riciclaggio o finanziamento del terrorismo, in paradisi fiscali o partecipazioni in aziende che operino contro la dottrina sociale della Chiesa. 

L'incipit del nuovo Motu Proprio è una citazione tratta dal Vangelo di Luca. "La fedeltà nelle cose di poco conto - recita - è in rapporto, secondo la Scrittura, con la fedeltà in quelle importanti. Così come l'essere disonesto nelle cose di poco conto, è in relazione con l'essere disonesto anche nelle importanti". Un giro di vite che succede a quello del 19 maggio 2020, quando Papa Bergoglio aveva promulgato il nuovo codice degli appalti e resosi necessario, spiega il Pontefice, perché la corruzione "può manifestarsi in modalità e forme differenti anche in settori diversi da quello degli appalti e per questo le normative e le migliori prassi a livello internazionale prevedono per i soggetti che ricoprono ruoli chiave nel settore pubblico particolari obblighi di trasparenza ai fini della prevenzione e del contrasto, in ogni settore, di conflitti di interessi, di modalità clientelari e della corruzione in genere". Così la Santa Sede, che ha aderito alla Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione, la Convenzione di Merida, decide "di conformarsi alle migliori pratiche per prevenire e contrastare" il  fenomeno.

La Segreteria per l'Economia potrà eseguire controlli sulla veridicità delle affermazioni messe nero su bianco dai dichiaranti, e la Santa Sede, in caso di dichiarazioni false o mendaci, potrà licenziare il dipendente e chiedere i danni eventualmente subiti. 

LEGGI ANCHE QUESTI ARTICOLI

Vaticano costretto all'austerità mentre la pandemia colpisce le donazioni

Il Papa taglia gli 'stipendi' dei cardinali. Pesano crisi e Covid

"Basta rientrare alle 2 di notte". Coprifuoco violato dai cardinali

Commenti
    Tags:
    papa francescovaticanovaticano cardinali
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    David di Donatello, il commovente discorso della figlia di Mattia Torre

    Spettacoli

    David di Donatello, il commovente discorso della figlia di Mattia Torre

    i più visti
    in vetrina
    Elodie: calze a rete-tacchi a spillo, lezioni di danza seducenti (foto-video)

    Elodie: calze a rete-tacchi a spillo, lezioni di danza seducenti (foto-video)





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo: Giulia GTA il massimo della potenza e del piacere di guida

    Alfa Romeo: Giulia GTA il massimo della potenza e del piacere di guida


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.