A- A+
Cronache

Un altro adolescente omosessuale si è tolto la vita. Appena quattordici anni, e una disperazione infinita nel cuore. Una disperazione che l’ha spinto a gettarsi dal terrazzo condominiale, durante la notte, a Roma. Ha lasciato scritto: “Sono omosessuale, nessuno capisce il mio dramma e non so come farlo accettare alla mia famiglia”. I compagini lo prendevano in giro e lui non poteva neppure confidarsi con la famiglia.

Chi glielo ha creato il dramma? L’omosessualità, oppure coloro che ancora non riescono ad accettare le persona omosessuali? L’omosessualità, oppure noi, incapaci di educare i nostri figli a non stupirsi, a non scandalizzarsi di un compagno omosessuale? A non farne oggetto di derisione? Chi gli ha creato il dramma, se non tutti coloro che hanno contribuito a creare e a mantenere assurdi pregiudizi sull’omosessualità? Adesso s’invoca la legge anti omofobia. Ben venga, ma non basta una legge per cambiare la mentalità soprattutto degli uomini, ma anche della donne. Bisogna puntare sull’educazione. Una domanda: perché non c’impicciamo dei fatti nostri, e segnatamente della sessualità nostra, anziché di quella altrui?

Renato Pierri

Tags:
omosessualesuicidio
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.