A- A+
Cronache

"Sono d'accordo sul fatto che vitto e alloggio dei detenuti immigrati siano pagati dai loro Stati". Lo ha detto il vicepresidente del Consiglio, Angelino Alfano, parlando al Meeting di Rimini alla tavola rotonda: "Una pena per redimere in una societa' piu' sicura. Ben vengano i richiami dell'Ue in tema di immigrazione, ma non puo' imporci tanto e darci troppo poco".

Alfano ha ricordato che nel 2011 l'emergenza Nord Africa è costata all'Italia 1,2 miliardi di euro. "Questo perche' noi diamo molto valore all'accoglienza, ma non puo' essere dimenticato che lo sforzo umanitario poi rischia di diventare un problema di sicurezza".

Il ministro dell'Interno si è detto favorevole aa che i detenuti apprendano un lavoro durante la pena. "Investire in questo - ha concluso - significa abbattere la delinquenza e indurre in una tentazione virtuosa il detenuto".

Tags:
vittoalfanocarcerati
in evidenza
Non si nascondono più: primo selfie. Poi la sera... Gossip-Foto

Diletta Leotta e Karius

Non si nascondono più: primo selfie. Poi la sera... Gossip-Foto


in vetrina
Just Eat: i risultati della 'Mappa del cibo a domicilio in Italia'

Just Eat: i risultati della 'Mappa del cibo a domicilio in Italia'





motori
Cupra Born, la prima full electric della casa

Cupra Born, la prima full electric della casa

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.