A- A+
Cronache

Dopo la carne di cavallo nelle lasagne o gli escrementi nelle polpette, ora tocca al pesce. Sembra che sedersi a tavola diventi sempre più rischioso per i cittadini-consumatori. 

''Bisogna stare attenti al pesce dopato, l'uso di sostanze chimiche per farlo sembrare fresco da parte di qualche commerciante e pescatore disonesto può creare problemi alla salute'': l'associazione Slow Food lancia un avvertimento da Slow Fish.

Gli esperti hanno chiesto al Governo di avviare un piano nazionale di controlli nei mercati ittici contro l'uso di sostanze chimiche per la conservazione del pesce fresco.

''Da due anni registriamo l'uso del 'cafados', che in Italia è vietato - ha spiegato Silvio Greco, responsabile scientifico di Slow Fish -. Mescolato al ghiaccio mantiene per oltre una settimana inalterate le caratteristiche del pesce facendolo sembrare fresco. In verità il pesce marcisce e produce stamina che ha effetti tossici e puo' creare problemi gravi di salute a chi ha disturbi al cuore''.

 

Tags:
pescedopatoslow fish
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.