A- A+
Cronache
Alzheimer, cure gratis per tutti. Svolta storica in Cassazione. La sentenza

Cure per l’Alzheimer gratis per tutti: la decisione storica della Cassazione

Svolta per chi ha un parente malato di Alzheimer. Dopo la storica decisione della Cassazione, la class action è già partita. Le famiglie, che si sono ritrovate sole ad affrontare la malattia e che hanno pagato per anni quasi duemila euro al mese per garantire assistenza ai parenti affetti da Alzheimer, ora chiedono di essere risarcite. La Cassazione, infatti, ha stabilito che i costi devono essere sostenuti dallo Stato, come scrive oggi Il Messaggero.

Di conseguenza la Regione Lazio rischia adesso di dover rimborsare migliaia di cittadini per le spese di degenza delle rette nelle Residenze sanitarie assistenziali. Dieci cause sono già incardinate al Tribunale civile di Roma, ma sono oltre 100 le adesioni arrivate finora sul tavolo dell'associazione "Avvocato del Cittadino", promotrice dell'azione collettiva.

Dando ragione alla figlia di un anziano, il Tribunale civile di Roma ha condannato la Regione a risarcire la donna per le spese sostenute nel periodo in cui il padre era stato ricoverato. Secondo i giudici, i costi per l'assistenza dei pazienti affetti dal morbo di Alzheimer, infatti, devono essere interamente a carico del Sistema sanitario nazionale, senza gravare su pazienti e familiari.

 

Alzheimer: quasi 5mila richieste aiuto nel'17, meta' in Lombardia

 

Pronto Alzheimer, la prima linea telefonica in Italia di orientamento e assistenza alle persone con demenza e ai loro familiari, ha risposto a 4.808 richieste di aiuto da tutta Italia, solo nel 2017. La meta' proviene da Lombardia e Milano. Nato nel 1993, il numero telefonico 02-809767 viene gestito da allora ininterrottamente dalla Federazione Alzheimer Italia, la maggiore non profit nazionale dedicata al sostegno dei malati (oltre 1,2 milioni in Italia secondo le ultime stime) e di chi vive loro accanto. 45549 e' il numero solidale a cui si puo' inviare un sms (per donare 2 euro) o effettuare una chiamata da rete fissa (per donare 5 o 10 euro) dal 21 gennaio al 10 febbraio 2018 per sostenere Pronto Alzheimer che ogni giorno fornisce gratuitamente consulenze attraverso la disponibilita' e la competenza di operatori specializzati e di volontari. Nei suoi 24 anni di attivita' Pronto Alzheimer ha risposto e gestito oltre 150mila richieste. I quasi 5mila contatti del 2017, spiega l'organizzazione, sono giunti attraverso telefonate ma anche e-mail e lettere - ed hanno ricevuto in risposta un consiglio relativo alla gestione del malato in casa e in situazioni specifiche, un'indicazione sulle strutture sul territorio a cui rivolgersi, una risposta di carattere legale o previdenziale, un aiuto psicologico. Un numero sempre crescente di persone chiede inoltre un appuntamento presso lo sportello di Pronto Alzheimer, per poter avere un contatto diretto con gli operatori, anche alla presenza del proprio familiare malato. Provenienti da tutta Italia, le richieste di aiuto si concentrano in particolare in Lombardia, dove si contano 2.098 contatti (di cui 1.431 solo a Milano, dove ha sede principale la Federazione Alzheimer Italia). Segue il Lazio con 255 contatti, principalmente localizzati nella capitale. Seguono Piemonte (208), Emilia Romagna (172), Veneto (162). Gabriella Salvini Porro, presidente della Federazione Alzheimer Italia, ha sottolineato che "la persona con demenza deve essere posta al centro, con la sua dignita' e una qualita' di vita sempre piu' elevata. Questa e' la nostra priorita' quotidiana, che guida ogni nostra scelta e ogni progetto che portiamo avanti con energia e con la forza di non essere soli". La malattia di Alzheimer e' la piu' comune causa di demenza (rappresenta il 60% di tutti i casi). red/Cre

Tags:
alzheimer cure gratiscure gratis alzheimeralzheimer cure sentenza cassazionealzheimer spese malati gratis
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico





casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.