A- A+
Cronache
amazon01g

Il fondatore di Amazon, Jeff Bezos, ha recuperato i motori dell’Apollo 11 nei fondali dell’oceano Atlantico. I propulsori del razzo Saturno V che lanciarono l’Apollo 11 nel viaggio verso la Luna l’11 luglio 1969 si trovavano a 4.267 metri di profondità. I 5 motori, già trovati nel marzo del 2012 e ora recuperati, sono lunghi 6 metri ognuno ed appartengono ancora alla Nasa, ma Bezos li ha recuperati con fondi privati e vorrebbe esporne almeno uno al Museo del volo di Seattle, la sua città natale.

I motori entrati nella storia spinsero l’Apollo 11 per 2 minuti e mezzo, per poi cadere nell’oceano una volta esaurito il proprio compito. Bezos li ha localizzati utilizzando immagini sonar ad alta tecnologia. Il CEO di Amazon celebra la sua impresa sul suo blog.

Tags:
amazonapollo 11motori
in evidenza
"Speriamo che sia femmina?": la possibile svolta politica in anteprima alla Piazza di Affari

La kermesse a Ceglie dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Speriamo che sia femmina?": la possibile svolta politica in anteprima alla Piazza di Affari


in vetrina
Scatti d'Affari GAP a Milano, chiude il negozio dopo 12 anni. Giù la serranda dal 7 ottobre

Scatti d'Affari
GAP a Milano, chiude il negozio dopo 12 anni. Giù la serranda dal 7 ottobre





casa, immobiliare
motori
Dodge svela la Charger Daytona SRT Concept elettrica

Dodge svela la Charger Daytona SRT Concept elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.