A- A+
Cronache
La criminologa: uccidiamo i figli per uccidere noi stessi

Di Cinzia Mammoliti

E si torna a parlare di raptus, statisticamente frequente in particolare nella stagione estiva, quando le temperature si innalzano e si diventa fisiologicamente più insofferenti e intolleranti alle frustrazioni. E, soprattutto, quando, almeno apparentemente, un movente non c'è e la follia di un momento fornisce risposte che altrimenti sarebbe impossibile trovare. 

A Collemarino, una frazione di Ancona, un giovane padre perde momentaneamente il senno e massacra la figlia di 18 mesi a coltellate. Un gesto folle e inaspettato da chi descrive Luca Giustini, ferroviere, persona "assolutamente normale e legata alle figlie" (l'altra, di 4 anni e mezzo, pare si trovasse  al momento del delitto fuori casa con la madre).

Ma come spesso accade, nei fatti di cronaca nera, l'apparenza inganna e se anche mancano elementi sufficienti per potersi pronunciare sulla criminodinamica dell' accaduto ci risulta difficile pensare alla normalità quando si parla di infanticidii. La memoria torna inevitabilmente al caso Franzoni e alle centinaia di domande che ognuno di noi si é posto in cuor proprio in questi anni.

Come può un genitore massacrare il proprio figlio? Che cosa scatta nella mente di un uomo o di una donna quando si avvicinano con un fendente al corpo di una creatura inerme per sopprimerla? Come si può uccidere una parte di sé?

Eppure si tratta di uno dei delitti più diffusi, che, come la maggior parte, ha luogo sotto le mura domestiche e che, a mio parere, rappresenta spesso il parossismo di un'esistenza disperata. Forse all'apparenza normale, come testimonia chi si limita ad osservare da fuori, ma profondamente frustrante, infelice, insoddisfacente. Una vita di rabbia repressa, aspettative disattese, rimpianti e rancori irrisolubili.

Così me la voglio immaginare l'esistenza di persone che arrivano a tanto e che a un certo punto della loro vita esplodono. Perchè troppo hanno tenuto dentro, perchè non hanno saputo chiedere aiuto o non sono state ascoltate, perchè forse hanno superato i propri limiti senza essersene accorte.

E allora sopprimono i figli: quella parte di sé che vorrebbero cancellare per sempre.

 

www.cinziamammoliti.it

Tags:
anconacriminologaraptus
in evidenza
Dayane Mello bacia Dana Saber Ecco chi è la misteriosa modella

Pomeriggio rovente a Milano

Dayane Mello bacia Dana Saber
Ecco chi è la misteriosa modella

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti

FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.