A- A+
Cronache
angela celentano (27)

Tutta una bufala. Quella pista dall'altra parte del mondo, in Messico, che aveva fatto sperare i genitori di Angela Celentano, la bimba scomparsa nel nulla il 10 agosto del 1996 durante un picnic sul monte Faito, non è altro che l'imbroglio di un mitomane.

La foto di Celeste Ruiz ritrae infatti un'amica del figliastro del magistrato di Acapulco, che non si sa ancora perché ha voluto alimentare il caso contattando la sorella della piccola scomparsa.

Le speranze si erano riaccese tre anni fa, quando sul sito ufficiale della famiglia Celentano compare la scritta: "Sono Angela, sono in Messico e sono felice". Nei giorni successivi la presunta "Angela" torna a farsi viva e chatta con una delle due sorelle della piccola scomparsa, inviandole anche una foto. Quella foto.

I Ris parlano subito di incompatibilità ma la famiglia della piccola scomparsa non vole abbandonare quella tenue speranza. Quando nel 2011 gli scambi di email si interrompono, l'Interpol decide di intervenire per una missone in Messico.

Le ricerche prima sono effettuate a Cancun dove la ragazza dice di trovarsi, poi ad Acapulco da dove partono le email. Il segnale proviene dalla casa di un magistrato, Cristino Ruiz Guzman, e della moglie Norma Hilda Valle Fierro, una dipendente del ministero della Giustizia. Il dna della figlia della coppia non coincide. Infine, gli investigatori scoprono che quella casa è spesso frequentata da uno dei tre figli del primo matrimonio della Valle Fierro: dal figliastro del magistrato. Per i pm non ci sono più dubbi, è lui che ha inviato le email. Ancora non si sa perché.

Tags:
angela celentanomessicoceleste ruiz
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.