A- A+
Cronache
Archiviate le minacce a don Ferrari. Fratoianni :"Auspico un chiarimento"

Modena, la procura archivia le minacce a don Mattia Ferrari. L'intervento di Nicola Fratoianni e il sostegno di Elly Schlein

La Procura di Modena ha deciso di archiviare le minacce che don Mattia Ferrari, il cappellano di "Mediterranea saving humans", ha ricevuto per il suo impegno nel salvare i migranti dal mare e di denunciare il traffico indisturbato che avviene nel Mediterraneo, tanto che il sacerdote è conosiuto come il "portavoce della mafia libica". 


Numerosi sono i commenti che questa decisione sta scatenando. In proposito è intervenuto anche il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni parlamentare dell’Alleanza Verdi Sinistra, che subito dopo le notizie sulla richiesta di archiviazione della vicenda delle minacce verso don Mattia Ferrari da parte di 'strani ambienti libici' pubblicate dal quotidiano della Cei, 'Avvenire': "Un giovane sacerdote italiano, impegnato nel sociale e cappellano di Mediterranea , viene minacciato via social da personaggi oscuri della Libia delle milizie e delle organizzazioni criminali". 


"E cosa fa la procura di Modena? Ritiene irrilevanti le minacce, chiede di archiviare il tutto, ma non si ferma qui e avanza una bizzarra e per quanto ci riguarda un’inaccettabile tesi: è evidente che ci possano essere reazioni se un sacerdote esercita il proprio magistero non in modo tradizionale, riservato e silenzioso. Insomma per qualche giudice di Modena, un prete deve stare in sacrestia, al massimo qualche preghiera, fare messa o poco più. Se invece si espone, magari  a difesa dei più deboli, è naturale che ci siano reazioni contrarie nei suoi confronti", prosegue il leader di Si.

"Da una parte trovo superficiale che si liquidi così una vicenda di intimidazioni che provengono da un mondo opaco e spero che il Gip permetta indagini approfondite. Dall’altra parte mi auguro che ci sia un chiarimento netto su queste tesi, per questo, presenteremo un’interrogazione parlamentare al ministro Nordio per un intervento di Via Arenula. Davvero siamo ben oltre ogni immaginazione", conclude Fratoianni.

Sulla vicenda interviene anche la candidata alla segreteria del Pd, Elly Schlein: "Preoccupante l'archiviazione dell'inchiesta sulle minacce della mafia libica arrivate a Don Mattia e anche le motivazioni addotte. Chi supporta le persone più fragili e salva vite in mare e per questo subisce minacce va protetto, piena solidarietà a Don Mattia". 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
don mattia ferrarielly schleinnicola fratoianni
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid





motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.