A- A+
Cronache
Arezzo, bimba morta in auto: la Procura indaga sulle molestie alla mamma

Ilaria Naldini, la giovane mamma che, convinta di aver portato la figlioletta all'asilo, l'ha invece trovata morta in auto, e che è stata probabilmente vittima di quella che viene definita "amnesia dissociativa", è stata pesantemente insultata e denigrata sulla sua pagina facebook, adesso chiusa assieme a quella del marito. 

E coloro i quali, in questi giorni, l'hanno ingiuriata sul web non dormiranno sonni tranquilli. Sì, la Procura di Arezzo ha infatti aperto un'inchiesta parallela a quella già in atto per la morte della piccola: i reati che potrebbero configurarsi sono molestie, istigazione al suicidio, diffamazione aggravata.

I commenti offensivi e disgustosi che sono stati lasciati sul profilo della mamma della piccola di un anno e mezzo, di cui ieri sono stati celebrati i funerali in forma privata, saranno passati al setaccio del Procuratore di Arezzo

E a ragione, potremmo aggiungere.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ilaria naldiniarezzobimba abbandonata in automolestieingiurieistigazione al suicidioprocurafacebook
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili





casa, immobiliare
motori
La nuova Range Rover è stata svelata alla Royal Opera House di Londra

La nuova Range Rover è stata svelata alla Royal Opera House di Londra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.