A- A+
Cronache
Arresto Scajola, ci sono nuovi indagati

Vi sono altri soggetti indagati nell'inchiesta Breakfast, condotta giovedi' scorso dalla Dia di Reggio Calabria con il coordinamento della locale DDA, e che ha gia' portato in carcere l'ex ministro Claudio Scajola, accusato di procurata inosservanza di pena a favore dell'ex deputato Amedeo Matacena, condannato in via definitiva a 5 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Fonti autorevoli di Procura confermano che nell'inchiesta sono stati gia' individuati nuovi indagati, oltre alle 8 persone destinatarie di misura cautelare. Il numero dei nuovi indagati, sulla cui identita' gli inquirenti mantengono stretto riserbo, e' inferiore alla decina.

Madre Matacena respinge accuse davanti al Gip - Si e' tenuto oggi, davanti al Gip del Tribunale di Reggio Calabria, Olga Tarzia, l'interrogatorio di garanzia di Raffaella De Carolis, la madre di Amedeo Matacena Jr., l'ex deputato latitante a Dubai dopo la condanna per concorso esterno in associazione mafiosa. La donna, 74 anni, e' destinataria di ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nell'ambito dell'operazione Breakfast, condotta giovedi' scorso dalla Dia e che vede tra gli indagati anche l'ex ministro Claudio Scajola, arrestato per procurata inosservanza di pena. De Carolis, secondo quanto emerso, assistita dagli avvocati Giuseppe Verdirame e Corrado Politi, ha risposto alle domande dei magistrati negando di essere a conoscenza dei movimenti finanziari che sarebbero stati attuati al fine di occultare dietro societa' di comodo il patrimonio del figlio.

Delle societa' costituite dal marito non ne sa nulla. Questo, in sintesi, e' quanto ha detto ai magistrati, nel corso dell'interrogatorio di garanzia tenuto stamani, la signora Raffaella De Carolis, madre di Amedeo Matacena Jr., l'ex deputato latitante a Dubai dopo la condanna per concorso esterno in associazione mafiosa. La donna, 74 anni, e' stata destinataria di ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nell'ambito dell'operazione Breakfast, condotta giovedi' scorso dalla Dia e che vede tra gli indagati anche l'ex ministro Claudio Scajola, arrestato per procurata inosservanza di pena. La signora De Carolis, assistita dagli avvocati Giuseppe Verdirame e Corrado Politi, nel rispondere alle domande dei magistrati ha riferito che delle societa' non sa nulla. La signora, ancora, nel negare ogni addebito riguardo al reato di intestazione fittizia di beni ha ricordato che si tratta di societa' che ha costruito il marito, il noto armatore Amedeo Matacena Senior, e che dopo la morte del marito venivano gestite dai suoi due figli, Amedeo ed Elio, e ancora che Amedeo comincio' ad occuparsi della gestione dell'azienda di famiglia solo nel momento in cui e' morto il cavaliere Matacena Senior, venuto a mancare nell'agosto 2003, anche perche' fino al 2001 il figlio Amedeo Jr. era impegnato nell'attivita' politica. Quanto all'accusa di procurata inosservanza di pena, invece, negando parimenti ogni addebito, la donna ha spiegato che quando ha saputo che il figlio era stato fermato a Dubai, e' andata negli Emirati per trovargli degli avvocati, cosi' come avrebbe fatto qualsiasi madre.

Tags:
scajolaarresto
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.