A- A+
Cronache
“Non colpevole perché ubriaco”, assolto il padre che uccise il figlio

La Corte d’Appello di Lecce ha ribaltato una sentenza di condanna di primo grado assolvendo un uomo di Guagnano, Enzo Caretto di 72 anni, che due anni fa ha ucciso con una coltellata il figlio Giovanni, 32enne, al culmine di una lite. I giudici: "Incapace di intendere e volere". In primo grado aveva avuto 30 anni

I giudici hanno accolto la richiesta del procuratore generale, l’uomo non era in grado di intendere e di volere in quanto le analisi hanno accertato che il suo tasso di alcool nel sangue era molto elevato (1,79). Questo nonostante il settantenne, ex operaio, era già stato segnalato più volte ai servizi sociali dai carabinieri.

Dopo la condanna a 30 anni inflitta in primo grado, i giudici dell’appello hanno abbracciato, suscitando molte polemiche,  la tesi difensiva supportata da una perizia disposta dalla Corte secondo cui l’alcolismo del Caretto era ormai cronico e aveva intaccato le capacità cognitive. Anche contro il parere della moglie 

Tags:
uccisefiglioassoltoubriaco
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Pomeriggio rovente a Milano Dayane Mello bacia Dana Saber Ecco chi è la misteriosa modella

Pomeriggio rovente a Milano
Dayane Mello bacia Dana Saber
Ecco chi è la misteriosa modella





casa, immobiliare
motori
I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022

I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.