A- A+
Cronache
"Attanasio fu giustiziato nella foresta": rischio pena di morte per 6 imputati

Omicidio Attanasio, in Congo la pena di morte non viene applicata da 20 anni ed è sistematicamente commutata nell'ergastolo

Svolta nel caso Attanasio, il diplomatico italiano ucciso in Congo insieme al carabiniere Vittorio Iacovacci e l'autista Mustapha Milambo nel febbraio del 2021 nell'Est del Paese: il procuratore militare Bamusamba Kabamba ha chiesto la pena di morte per i sei uomini processati a Kinshasa da un tribunale militare. Come riporta il sito d'informazione locale Actualité, la pena di morte è spesso richiesta e comminata nella Repubblica Democratica del Congo nei casi di "sicurezza nazionale", ma non viene applicata da 20 anni ed è sistematicamente commutata nell'ergastolo.

"Le vittime sono state rapite, trascinate in profondità nella foresta prima di essere giustiziate", ha affermato il procuratore militare nella sua requisitoria davanti al tribunale militare della guarnigione di Kinshasa-Gombe, situato all'interno della prigione militare di Ndolo. Cinque dei sei imputati sono attualmente detenuti, mentre un sesto è latitante ed è processato in contumacia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
attanasiogiustiziamorte
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio





motori
INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.