A- A+
Cronache

Ha somministrato a due bambini, uno di 18 mesi e una di 6 anni, massicce dosi di atropina provocandone l'intossicazione e mettendo in pericolo la loro vita. Tabatha Paceca, baby sitter 34enne originaria di Alatri (Frosinone), e' stata condannata a quattro anni e due mesi di reclusione dal tribunale di Roma che l'ha giudicata colpevole del reato di lesioni gravissime, ipotesi ben piu' lieve rispetto a quella originaria di tentato omicidio aggravato che le era costato anche il carcere.

L'episodio al vaglio dei giudici della decima sezione penale risale al novembre del 2008. Secondo quanto emerso dall'istruttoria dibattimentale, la donna avrebbe portato i ragazzini in ospedale spacciandosi per medico e indovinando la diagnosi. Non e' chiaro il perche' di questo comportamento: si ipotizza che la baby sitter fosse molto frustrata per non essere riuscita a completare gli studi di biologia.

Tags:
baby sitteratropinacondannabimbi
in evidenza
Diletta Leotta sotto l'ombrellone la temperatura è bollente, le sue curve sono mozzafiato

Vacanze in Sardegna, insieme alla mamma

Diletta Leotta sotto l'ombrellone la temperatura è bollente, le sue curve sono mozzafiato

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Renault apre i preordini online di Nuovo Austral

Renault apre i preordini online di Nuovo Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.