A- A+
Cronache
Bambino chiuso in una stanza e lasciato ​morire di fame dalla nonna

Una donna ha così gravemente trascurato il nipote che è morto di fame. L'incredibile storia riguarda il piccolo Jeffrey Baldwin, morto nel 2002 all'età di cinque anni. Il piccolo pesava 10 chili, quanto un bimbo di 1 anno.

Sua nonna, Elva Bottineau, teneva il piccolo in una stanza fredda e fetida, dove dormivano tra rifiuti e escrementi. Sia la donna che il suo compagno, Norman Kidman, stanno ora scontando l'ergastolo per omicidio di secondo grado. Ad affidare i due fratellini alla coppia è stata la Catholic Children’s Aid Society di Toronto che ha sottovalutato la pericolosità di quella casa. I due, infatti, avevano precedenti penali per abusi su minori, ma purtroppo i servizi sociali l'hanno scoperto solo dopo la morte del ragazzino.

 

lizzie velasquez 500 (5)

Guarda la gallery - Pesa 28 chili , lotta per sopravvivere

Tags:
bambinolasciatomorirefame
in evidenza
Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo

Lato A e B da urlo. LE FOTO

Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile





motori
Opel Zafira-e Life, il salotto amato anche dagli amici animali

Opel Zafira-e Life, il salotto amato anche dagli amici animali

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.