A- A+
Cronache

Due bambine di due e cinque anni sono state ritrovate morte all’interno di un'auto carbonizzata a Grabs, nell’est della Svizzera. Lo ha annunciato la polizia, che sospetta che sia stato il padre ad uccidere le due figlie appiccando fuoco alla macchina. L’uomo, uno svizzero di 44 anni, è stato ritrovato, gravemente ustionato, ad un centinaio di metri dalla vettura, ed è morto poco dop.

La madre delle due bambine aveva allertato la polizia per avvertire che il suo ex compagno, dal quale viveva separata, aveva rapito le due piccole che si trovavano presso un parente. Due ore dopo la macabra scoperta dei due corpicini carbonizzati all’interno dell’auto. La polizia del cantone di San Gallo ha aperto una inchiesta sulla vicenda che, sulla base dei primi elementi, sembra l’ennesimo dramma familiare. o all’ospedale.

Tags:
bimbeuccisepadrecarbonizzate
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.