A- A+
Cronache

La Polizia di Lecce sta eseguendo 13 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili di violenze e minacce nei confronti delle Forze dell'ordine e degli steward in occasione dell'incontro di calcio, tenutosi il 16 giugno scorso, a Lecce tra la squadra locale e quella del Carpi, che ha sancito la promozione degli emiliani in serie B. Gli agenti della Digos, con l'ausilio di mezzi tecnici, testimonianze e videoriprese, hanno individuato gli autori delle aggressioni e danneggiamenti avvenuti al termine dell'incontro di calcio sia all'interno che all'esterno dello stadio "Via del Mare" ed hanno eseguito 25 perquisizioni. Tra i destinatari dei provvedimenti anche una persona residente a Palermo, autore tra l'altro dell'incendio di un'auto della Polizia, a conferma dello storico "gemellaggio" tra gli ultras locali e quelli rosanero.

Tags:
lecce
in evidenza
Affari a maggio fa +10%. Distanziati Il Post, TPI, AGI e GQ

Comscore

Affari a maggio fa +10%. Distanziati Il Post, TPI, AGI e GQ

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Citroen svela la nuova C4 X e nuova e-C4 X 100% elettrica

Citroen svela la nuova C4 X e nuova e-C4 X 100% elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.