A- A+
Cronache
Canale di Sicilia, ancora una strage di migranti: morti e feriti

Ci sarebbero almeno 29 morti tra i 105 immigrati soccorsi la notte scorsa dalla Guardia costiera italiana al largo della Libia. Lo conferma la prefettura di Agrigento, mentre le motovedette con a bordo i profughi e i corpi sono ancora in navigazione verso il porto di Lampedusa.

I decessi sarebbero stati causati da ipotermia. La chiamata di soccorso era giunta ieri pomeriggio al Centro nazionale di soccorso della Guardia Costiera di Roma. Dopo aver localizzato il telefono satellitare da cui era partita la richiesta di aiuto, sono state dirottate verso l'imbarcazione in difficolta' le navi mercantili "Bourbon/Argos" e "Saint Rock" che navigavano in zona, e contemporaneamente sono salpate le motovedette CP 302 e CP 305 che hanno imbarcato gli immigrati e i cadaveri.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
canalesiciliastragemigrantimorti
in evidenza
Usa, i Maneskin incantano ancora Show al Saturday Night Live

Il programma più seguito negli States

Usa, i Maneskin incantano ancora
Show al Saturday Night Live

i più visti
in vetrina
Sabrina Salerno in grande forma, social in estasi: "Fisico da ventenne". FOTO

Sabrina Salerno in grande forma, social in estasi: "Fisico da ventenne". FOTO





casa, immobiliare
motori
Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.