A- A+
Cronache

 

Dopo quasi 17 mesi, gli inquirenti di Pisa, che indagano sulla scomparsa di Roberta Ragusa, la mamma di San Giuliano Terme della quale non si hanno più notizie dalla notte fra il 13 e il 14 gennaio quando la donna svanì nel nulla, non hanno ancora trovato una soluzione definitiva al caso.

La testimonianza di una amica di Antonio Logli, marito della Ragusa e unico indagato per omicidio e occultamento di cadavere, potrebbe però rivelare particolari importati sul rapporto tra i due. Intanto - come scrive La Nazione - sono stati già ascoltati i familiari della coppia, il collaboratore dell'autoscuola della Ragusa e infine Sara Calzolaio, l'amante (ex baby-sitter dei figli ed ex segretaria della stessa autoscuola) di Logli.

Ma ora si cerca di accelerare: in Procura il pubblico ministero Aldo Mantovani ha convocato una nuova testimone, una donna (sposata con due figli e amica di vecchia data di Logli) al quale l’unico indagato di questa misteriosa vicenda avrebbe confidato alcuni particolari aspetti del rapporto tra lui e sua moglie. Un interrogatorio dal quale, secondo quanto trapela da fonti investigative, potrebbero scaturire nuovi, importanti elementi.

Tags:
ragusagiallomaritocorpoomicidio
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.