A- A+
Cronache
Certificati antimafia "facili". Arrestato il prefetto di Benevento

Il prefetto di Benevento e tre imprenditori sono stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Avellino per il rilascio di certificazione antimafia nel periodo 2009-2011. La misura disposta dal gip del tribunale irpino e' per gli arresti domiciliari e l'accusa e' di corruzione. Ennio Blasco, attuale prefetto di Benevento, dal gennaio 2008 al marzo 2012 e' stato prefetto di Avellino. I tre imprenditori arrestati sono attivi nel settore della vigilanza privata e sono originari del Nolano.

Gli imprenditori arrestati sono Carmine, Carlo e Antonio Buglione, originari di Nola, che per i pm irpini sarebbero stati favoriti dal prefetto Blasco nell'aprire loro attivita' nelle zone in cui l'alto funzionario e' stato trasferito negli ultimi anni, cioe' Isernia, dove Blasco e' stato viceprefetto, e poi Avellino e Benevento. In cambio, Blasco avrebbe avuto gioielli, viaggi e altre utilita'. Le indagini sono partite da quelle sul rapimento nel 2010 di Antonio Buglione, liberato poco dopo in circostanze che non furono mai del tutto chiarite.

Tags:
beneventoantimafia
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.