A- A+
Cronache
Chico Forti in Italia: Rebibbia poi Verona."Decisivo l'intervento del governo"

Chico Forti: in cella singola in carcere a Rebibbia, 'è apparso provato'

Chico Forti è arrivato a Rebibbia Nuovo Complesso. Apparso provato per il lungo viaggio dagli Stati Uniti, dove ha vissuto per 24 anni in carcere per omicidio, si è mostrato molto cordiale con gli agenti della polizia penitenziaria che lo hanno portato nella cella singola nella quale rimarrà questa notte e domani. Lunedì è atteso il trasferimento nella casa circondariale di Verona.

Chico Forti è rientrato in Italia. "Decisivo l'intervento del governo Meloni"

Chico Forti, il 65enne trentino rilasciato nei giorni scorsi da un carcere della Florida dopo 24 anni di detenzione, è tornato in Italia. Forti è stato condannato all'ergastolo per un omicidio avvenuto nel 1998 a Miami. I familiari di Forti mantengono, per ora, il massimo riserbo. Il loro auspicio comunque, come riportato dall'agenzia Ansa, è che "questa vicenda che ormai dura da 25 anni si possa velocemente concludere". Fanno anche presente che "l'intervento del governo Meloni nelle scorse settimane ha dato un'accelerata all'iter".

Chico Forti: legale, appena possibile incontro con madre 96enne

“Appena possibile speriamo di far incontrare Chico Forti con la madre di 96 anni. Ci vorrà un permesso. Teniamo presente che per il suo rientro è stato considerato l'aspetto umanitario, come previsto dalla Convenzione”. Lo dice all’AGI l’avvocato Carlo Dalla Vedova, che ha seguito le procedure per il rientro in Italia dell’imprenditore che terminerà di scontare la condanna in Italia. Sulle modalità del rimpatrio, il legale spiega che “l’arrivo è previsto a Pratica di Mare alle 11 e 30, non sappiamo in che carcere andrà, dovrebbe essere quello di Verona”. Dalla Vedova ci tiene a ringraziare i rappresentanti dei due Stati che hanno reso possibile “in tempi brevi” il ritorno in Italia, “in particolare il console a Miami che si è speso molto per risolvere un problema che rischiava di allungare i tempi”

Usa: Tajani, 'su Chico Forti grande azione del governo e della diplomazia'

'Si ottengono questi risultati quando si lavora in silenzio, senza polemiche'

"Si ottengono questi risultati quando si lavora in silenzio, senza fare polemiche con una grande azione del governo certamente, ma anche della nostra diplomazia. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, commentando la notizia dell'arrivo in Italia di Chico Forti, dopo 24 anni di detenzione negli Stati Uniti.

"E' da quando ci siamo insediati che stiamo lavorando perché Chico Forti possa scontare la seconda parte della sua detenzione in un carcere italiano", ha aggiunto Tajani.

"Ci sembra una scelta giusta, una scelta che tutela gli interessi del cittadino italiano, che tra l'altro ha avuto un comportamento ineccepibile come detenuto negli Stati Uniti e può continuare ad essere un detenuto modello anche in un carcere italiano", ha concluso il titolare della Farnesina.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


in vetrina
G7, tutti pazzi per i panini di Ciccio 2.0: conquistata la delegazione americana

G7, tutti pazzi per i panini di Ciccio 2.0: conquistata la delegazione americana





motori
Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.