A- A+
Cronache

Chi finisce al pronto soccorso dopo una notte passata ad alzare il gomito la pagherà cara, non solo in termini di salute ma anche di portafoglio. Dovrà infatti accollarsi tutte le spese. E se i colpevoli sono ancora minorenni, i genitori potranno coprire i costi. Questa la proposta di legge avanzata da Toni Bortoluzzi, consigliere nazionale zurighese dell'Udc. E' in discussione da tre anni ormai e presto potrebbe vedere la luce.

La discussione ruota innanzitutto intorno alla definizione di "bevitore eccessivo": si registrano ben 16.000 casi ogni anno negli ospedali svizzeri. Gli alcolisti non saranno però interessati dalla futura legge. Gli ospedali temono di dover pagare i costi amministrativi legati all'invio delle fatture. Ma saranno gli enti assicurativi a coprire i costi al momento del check out per poi farsi rimborsare dai loro assicurati.

I partiti di sinistra si oppongono però alla proposta di legge, che ha ricevuto il sostegno dell'Unione svizzera delle arti e mestieri (SGV). Biosgna risolvere il problema alla radice, sostengono in molti, puntando sulla prevenzione e scoraggiando il consumo di alcol soprattutto tra i giovani.

Tags:
comaetilicoospedalecosti
in evidenza
Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

Costume

Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.