A- A+
Cronache
'Ndrangheta: appello, 4 anni e 5 mesi a giudice Giglio


La Corte d'appello di Milano ha condannato il giudice del tribunale di Reggio Calabria, Vincenzo Giuseppe Giglio e l'ex consigliere regionale calabrese Francesco Morelli, rispettivamente a 4 anni e 5 mesi e a 8 anni e 3 mesi di reclusione. Con una lieve riduzione delle pene inflitte in primo grado, nel processo su infiltrazioni della 'ndrangheta in Lombardia. La condanna piu' elevata e' stata quella inflitta al presunto boss Giulio Lampada, 14 anni e 5 mesi. Inoltre, sono stati condannati Raffaele Fermino, a 4 anni e 8 mesi, il medico Vincenzo Giglio, cugino del giudice, a 7 anni di carcere, Leonardo Valle a 8 anni e 6 mesi, Francesco Lampada a 3 anni e 8 mesi, l'ex militare della guardia di finanza Luigi Mongelli a 4 anni e 5 mesi,. Maria valle a 2 anni e 9 mesi. La 'novita' della sentenza d'appello e' la condanna di tre finanzieri, assolti in primo grado, Michele Noto, Luciano Ruffo e Michele Di Dio, ai quali sono stati inflitti 3 anni e 9 mesi di reclusione.

Tags:
appello
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Nuova smart #1,il domani è già arrivato

Nuova smart #1,il domani è già arrivato

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.