A- A+
Cronache

Non rinnovare i contratti del pubblico impiego e' un atto di miopia politica ed economica. Cosi' in una nota il segretario confederale della Uil, Antonio Foccillo. "Non e' possibile continuare con questo andazzo. Non si possono bloccare ancora i contratti dei pubblici dipendenti. Non e' solo un problema da risolvere per giustizia sociale, visto che negli altri settori nonostante la crisi i contratti si rinnovano, ma e' miopia politica ed economica: il potere di acquisto dei lavoratori pubblici e' sceso enormemente, perche' gli stipendi sono bloccati da oltre tre anni. Questo riduce ancora i consumi e di conseguenza deprime la produzione.

E' bloccata anche la contrattazione di secondo livello. I pubblici dipendenti non hanno la possibilita' di usufruire del salario di produttivita' defiscalizzato perche' non e' previsto per questi lavoratori. Un governo che ormai deve fare solo l'ordinaria amministrazione deve evitare di prendere provvedimenti che incidano cosi' pesantemente sul futuro.  

Antonio Foccillo

Segretario confederale Uil

Tags:
contrattiuilmiopia
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.