A- A+
Cronache
Coronavirus, Codogno: polmoniti anomale già a metà gennaio
(fonte Lapresse)

Coronavirus, polmoniti anomale già a metà gennaio

Il focolaio italiano del coronavirus covava sotto la cenere "almeno dalla metà di gennaio". Da questa conclusione si trova "ormai ad un passo" la task force di epidemiologi, ricercatori, forze dell'ordine e inquirenti a lavoro a Milano e dentro le zone rosse del contagio. Grazie alla genetica - scrive Repubblica - poche conferme separano ormai gli scienziati anche dalla loro ricostruzione del nesso tra "Il principale epicentro dell'epidemia". La task force che studia la malattia in Italia "Così è nato il focolaio in Lombardia". Vacilla anche l'ipotesi che l'uomo 38enne di Codogno sia effettivamente il paziente 1.

Dopo l'esplosione della malattia - prosegue Repubblica - i sanitari hanno ricollegato tra loro decine di pazienti, non solo anziani che da metà gennaio "sono stati colpiti da strane polmoniti, febbri altissime e sindromi influenzali associate ad inspiegabili complicanze".

Commenti
    Tags:
    coronaviruscodognopolmoniti anomalecoronavirus gennaioscienziatiricercatorimedicimalattiacontagioviruscoronavirus newscoronavirus italia news
    in evidenza
    Cristina D'Avena, bikini esplosivo Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

    Wanda, Fico e... Gallery Vip

    Cristina D'Avena, bikini esplosivo
    Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente





    casa, immobiliare
    motori
    Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

    Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.