A- A+
Cronache
Corto circuito. Così è morto il primo uomo col cuore completamente artificiale

Il decesso si è verificato a causa di una improvvisa unità cardiaca in corto circuito, ha detto il professor Alan Carpentier, creatore del cuore bioprosthetic. Così è morto il primo uomo al mondo ad avere un cuore completamente artificiale dopo 75 giorni dopo l'operazione all'ospedale Georges Pompidou di Parigi.

Si tratta comunque di una speranza per di tutti i cardiopatici. Un trapianto di cuore fatto in un paziente affetto da insufficienza cardiaca allo stato terminale grazie a un cuore artificiale del peso di 900 grammi, prodotto dalla francese Carmat. Per il momento ha un costo non proprio abbordabile che varia dai 140 mila ai 180 mila euro.  A fine settembre le autorità sanitarie francesi avevano dato il proprio via libera al trapianto.

"C'è stato un corto circuito che ha provocato l'arresto dell'apparato meccanico, un fermo che ha portato ad un collasso", ha detto Carpentier. Ora stiamo lavorando per capire l'essenza dei problemi connessi con l'elettronica". Lo scienziato ha detto che l'applicazione della produzione degli apparecchi in biomateriali non sono la causa della morte del paziente.

Tags:
cuore artificialecorto circuitofranciamorto
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.