A- A+
Cronache

 

Li hanno portati dall'Ungheria per venderli nel nostro Paese. Quando le Fiamme Gialle hanno trovato i cagnolini all'interno di un furgone ad Amaro, in provincia di Udine, gli animali erano stremati e in condizioni precarie. I finanzieri si sono trovati davanti a una quindicina di cuccioli di cane, tutti di razze pregiate, sotto i tre mesi e venti giorni di età e allo stremo.

Come scrive il Messaggero Veneto i cuccioli provenivano dall'Ungheria e sono stati trasportati dai contrabbandieri in Italia per essere venduti. I cuccioli erano nascosti in un furgone, e appartengono a razze pregiate tra cui Chihuahua, Pincher, Cavalier King, Cocker, Yorksire.

Il gatto appartiene alla razza egiziana senza pelo, nota come Sphynx. Per curarli è intervenuto un veterinario dell’Azienda sanitaria di Tolmezzo. I cuccioli, tutti di età inferiore ai tre mesi e 20 giorni previsti dalla normativa, sono stati affidati a dei volontari cittadini che se ne sono assunti l’affidamento temporaneo. Il conducente del furgone e la figlia sono stati denunciati per trasporto abusivo e maltrattamento di animali.

Tags:
cuccioli di caneudinetratta
in evidenza
Il direttore Perrino su Isoradio Affari commenta le elezioni 2022

Ospite de "Il sorpasso" di Monica Setta

Il direttore Perrino su Isoradio
Affari commenta le elezioni 2022


in vetrina
SFCC, nate 29 nuove Comunità Slow Food in nove Paesi e la blockchain

SFCC, nate 29 nuove Comunità Slow Food in nove Paesi e la blockchain





motori
Škoda presenta il piano per la mobilità sostenibile

Škoda presenta il piano per la mobilità sostenibile

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.